Rilevato un agente nervino nel sangue e nelle urine di Navalny

il caso

Il risultato delle analisi compiute dall’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPAC) nei campioni prelevati all’oppositore russo avvelenato

Rilevato un agente nervino nel sangue e nelle urine di Navalny
© EPA/YEVGENY FELDMAN

Rilevato un agente nervino nel sangue e nelle urine di Navalny

© EPA/YEVGENY FELDMAN

L’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (Opac) ha fatto sapere oggi che nei campioni di sangue ed urina prelevati al leader dell’opposizione russa Alexey Navalny c’è un agente nervino simile al Novichok.

L’organizzazione ha rilevato la presenza di un «inibitore della colinesterasi» simile a due delle componenti del Novichok messe al bando proprio dall’Opac.

«Il governo tedesco rinnova la richiesta alla Russia di chiarire l’accaduto». Lo scrive Steffen Seibert, portavoce della cancelliera tedesca Angela Merkel, commentando i risultati dell’Opac.

«Sui prossimi passi da fare il consiglio esecutivo dell’Opac si consulterà con i partner europei», aggiunge la nota. «Ogni uso di armi chimiche è un precedente gravoso che non può restare senza conseguenze».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1