Rinvenuta una fossa comune a est di Damasco

siria

I resti di 70 corpi sono stati trovati in una zona controllata fino al 2018 da gruppi armati anti-regime

Rinvenuta una fossa comune a est di Damasco
© SANA via AP

Rinvenuta una fossa comune a est di Damasco

© SANA via AP

Il governo siriano ha annunciato il ritrovamento nelle ultime ore di una fossa comune, con i resti di circa 70 corpi, a est di Damasco, in una zona fino all’aprile del 2018 controllata da gruppi armati anti-regime.

Lo riferisce l’agenzia governativa siriana Sana, secondo cui la fossa comune è stata rinvenuta a Duma, dalla fine del 2011 roccaforte delle opposizioni armate.

La Sana precisa che i resti dei 70 corpi, morti tra il 2012 e il 2014, sono stati portati all’ospedale militare Tishrin di Damasco. Dal 2012 quell’area è stata controllata da gruppi armati islamici: prima Saraya al Islam (le Brigate dell’Islam) nel 2011, poi Liwa al Islam (Battaglione dell’Islam) nel 2012 e dal 2013 Jaysh al Islam (Esercito dell’Islam).

Quest’ultimo si è ritirato nell’aprile del 2018 con la sconfitta delle opposizioni armate e la vittoria militare delle truppe di Damasco, sostenute da quelle russe e iraniane.

Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, che sul terreno si avvale da anni di una fitta rete di fonti, i corpi rinvenuti appartengono a civili e soldati governativi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Italia verso la riapertura in due step

    coronavirus

    Nella «Fase 2» gli stabilimenti produttivi avranno la priorità e potrebbero tornare operativi già dopo Pasqua - All’inizio di maggio un progressivo allentamento delle misure restrittive per i cittadini

  • 2

    Trump attacca l’OMS: «Troppo filocinese, ha sbagliato»

    CORONAVIRUS

    Il presidente statunitense spara a zero sull’Organizzazione mondiale della sanità e minaccia di tagliare i fondi versati dagli Stati Uniti - L’accusa è di aver dato in ritardo l’allarme pandemia, nascondendo quanto stava accadendo in Cina

  • 3

    Boris Johnson non molla, Raab prende le redini del Governo

    coronavirus

    Il premier britannico resta in cure intensive con somministrazione di ossigeno ma non è sottoposto a respirazione artificiale - Al ministro degli Esteri la guida del Regno Unito, mentre nel Paese si contano ormai oltre 6.100 morti a causa del coronavirus

  • 4
  • 5
  • 1
  • 1