Riprendono gli scontri a Gerusalemme

medio oriente

Secondo i media palestinesi altre 100 persone sarebbero state ferite nei violenti combattimenti tra manifestanti e polizia - Un razzo è stato lanciato da Gaza nel sud di Israele: non si hanno notizie di danni o vittime

Riprendono gli scontri a Gerusalemme
© AP/Oded Balilty

Riprendono gli scontri a Gerusalemme

© AP/Oded Balilty

Mentre a Gerusalemme est sono proseguiti per la seconda notte consecutiva violenti scontri tra manifestanti palestinesi e polizia con circa 100 feriti tra i primi, un razzo è stato lanciato da Gaza nel sud di Israele. Non si hanno notizie di danni o vittime. In risposta - ha fatto sapere l’esercito - l’aviazione ha colpito una postazione militare di Hamas nella Striscia.

Fonti sanitarie palestinesi hanno riferito che 16 feriti sono stati ricoverati nell’ospedale Makassed di Gerusalemme est e altri 14 in una infermeria da campo allestita presso la spianata delle Moschee. La polizia israeliana ha intanto reso noto che negli incidenti sono rimasti feriti anche 17 agenti uno dei quali - colpito al volto da una sassata - è in condizioni mediamente gravi.

La stampa aggiunge che gli scontri della scorsa notte sono avvenuti nella spianata delle Moschee (dove erano convenuti 90 mila fedeli) , alla porta di Damasco (uno degli accessi alla Città Vecchia) e nel rione di Sheikh Jarrah. La spianata antistante il muro del Pianto (che si trova a ridosso della Spianata delle Moschee) è stata sgomberata per impedire che i fedeli ebrei fossero raggiunti dalle sassaiole. Ingenti reparti di polizia sono schierati anche oggi a Gerusalemme est, in particolare nella Città Vecchia.

Tensione elevata anche lungo la linea di demarcazione con la Striscia di Gaza dopo che ieri palloni incendiari sono stati lanciati verso campi agricoli israeliani, dove hanno appiccato il fuoco.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1