Schiavitù e tratta, una trentina di fermi in vari Paesi

Mafia

Due clan nigeriani sono finiti in manette tra Italia, Germania, Francia, Olanda e Malta per reati tra i quali figurano anche violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione

Schiavitù e tratta, una trentina di fermi in vari Paesi
© Shutterstock

Schiavitù e tratta, una trentina di fermi in vari Paesi

© Shutterstock

Arresti in Italia e all’estero nei confronti di due clan mafiosi nigeriani sono in corso da parte della Polizia su disposizione della magistratura barese. Gli indagati rispondono di associazione per delinquere, tratta, riduzione in schiavitù, estorsione, rapina, lesioni, violenza sessuale e sfruttamento della prostituzione. Una trentina le misure cautelari eseguite in Puglia, Sicilia, Campania, Calabria, Lazio, Abruzzo, Marche, Emilia Romagna, Veneto e all’estero, in Germania, Francia, Olanda e Malta.

L’indagine della Squadra mobile di Bari, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo e l’ausilio della Divisione Interpol del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia, è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Bari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1