Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Stati Uniti

Tra le vittime i due sospetti aggressori, un poliziotto e tre civili - Non si tratterebbe di terrorismo

Sei morti in una sparatoria a Jersey City
© AP/Eduardo Munoz Alvarez

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

© AP/Eduardo Munoz Alvarez

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

Sei morti in una sparatoria a Jersey City

(Aggiornato 8.50) - Scene da Far West per le strade di Jersey City, di fronte a Manhattan, dove una sparatoria ha causato diversi morti, almeno sei. Nello scontro a fuoco sarebbero infatti rimasti uccisi i due uomini che hanno dato il via alla battaglia a colpi di fucile, un poliziotto e altri tre civili. Ferito anche un altro agente.

Quella che un residente ha definito come una vera e propria scena di guerra è iniziata nel primo pomeriggio di ieri. Secondo le autorità, tutto sarebbe partito da un cimitero. Secondo le prime ricostruzioni, alcuni agenti avrebbero avvistato due persone sospette probabilmente coinvolte in un omicidio e all’interno di un furgone U-Haul, azienda specializzata in traslochi.

È lì che è iniziato il primo scontro, con qualche media che ha parlato anche di un’operazione antidroga. Poi, a seguito della fuga dei due sospettati, la sparatoria si è spostata in una zona residenziale della città che si trova solo a pochi metri di distanza in linea d’aria da Manhattan. A separare Jersey City e New York solo il fiume Hudson.

I due killer si sono quindi asserragliati all’interno di un negozio sparando all’impazzata in strada dalle finestre, mentre sul posto sono intervenute anche le squadre speciali della polizia. Lo scontro è andato avanti per diverse ore prima che i sospettatati venissero neutralizzati.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump è stato messo subito al corrente dell’incidente e al momento gli investigatori escludono l’ipotesi terrorismo. Il negozio in cui è avvenuta la sparatoria è un kosher market, quindi frequentato principalmente da persone di religione ebraica. Tuttavia si ritiene che il market sia stato preso di mira solo accidentalmente e che non si sia trattato in alcun modo di un attacco di matrice antisemita.

Nella zona del conflitto a fuoco si trova anche una scuola cattolica e per ore centinaia di studenti sono stati rimasti chiusi all’interno dell’edificio posto in lockdown.

Jersey City è la seconda città dopo Newark del New Jersey. Molti newyorkesi la scelgono come residenza proprio per la sua vicinanza in particolar modo al Financial District, dove si trova Wall Street. La città è stata anche testimone indiretta degli attentati dell’11 settembre 2001 perché collocata proprio all’ombra di quelle che una volta erano le Torri Gemelle.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    Esplosione a Beirut: «L’aria è tossica, chi può scappi dalla città»

    libano

    Il ministro della salute Hamad Hasan consiglia a chiunque possa di andare via dalla capitale - A provocare la deflagrazione è stato un incendio in un deposito dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio - Intanto il bilancio provvisorio della catastrofe sale a 78 morti e 4 mila feriti - Trump: «Sembra un terribile attentato» - FOTO e VIDEO

  • 3

    I contagi in Spagna continuano a salire

    Luoghi a rischio

    Oltre cento Paesi vietano l’ingresso a persone provenienti dalla Spagna - E anche in Svizzera si discute se non imporre una quarantena a chi rientra da alcune sue regioni

  • 4

    Beirut scossa alla vigilia verdetto morte Hariri

    Tra tre giorni, è chiamato a esprimersi il tribunale speciale incaricato dall’ONU di condurre le indagini sul micidiale attentato in cui quindici anni fa, sul lungomare di Beirut, venne assassinato l’ex premier Rafik Hariri, e 21 altre persone

  • 5
  • 1
  • 1