«Siamo un modello per il mondo intero, ne siamo molto fieri»

israele

Netanyahu ha ospitato a Gerusalemme i leader di Austria e Danimarca - Fissata la partnership

«Siamo un modello per il mondo intero, ne siamo molto fieri»
© EPA/Olivier Fitoussi

«Siamo un modello per il mondo intero, ne siamo molto fieri»

© EPA/Olivier Fitoussi

I leader di Israele, Austria e Danimarca hanno annunciato ieri a Gerusalemme che realizzeranno piani congiunti di ricerca e sviluppo sui farmaci anti pandemia e investiranno nella produzione di vaccini. La premier danese Mette Frederiksen e il cancelliere austriaco Sebastian Kurz hanno definito con Benjamin Netanyahu una strategia comune sui vaccini, dal momento che «dobbiamo assicurarci di poter proteggere la nostra gente e anche aiutare altri Paesi e l’umanità in generale», come hanno dichiarato. L’investimento congiunto in impianti di produzione di vaccini «riflette il rispetto che abbiamo gli uni per gli altri e la fiducia che abbiamo nel lavorare insieme per proteggere la salute della nostra gente». I tre hanno dichiarato di avere una visione condivisa, basata sulla convinzione che «l’accesso...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Alla COP26 a Glasgow il tandem Biden-Obama

    clima

    La notizia è stata confermata da un portavoce dell’ex inquilino democratico della Casa Bianca: i due parteciperanno fianco a fianco alla cruciale conferenza internazionale sul clima in agenda il 31 ottobre

  • 2
  • 3
  • 4

    «Lucy in the sky»

    missione spaziale

    La sonda della Nasa diretta agli asteroidi di Giove è stata lanciata da Cape Canaveral e dovrà affrontare un viaggio di 12 anni alla ricerca di indizi sulle origini del Sistema Solare

  • 5

    La Francia rende omaggio all’insegnante decapitato

    terrorismo

    Un anno fa Samuel Paty veniva ucciso per aver mostrato in classe le caricature di Maometto: Jean Castex lo ha ricordato come «un servitore della Repubblica, vittima del terrorismo islamista e della viltà umana»

  • 1
  • 1