Sparatoria in una università russa, morti e feriti

violenze

La strage a Perm: il bilancio parziale sarebbe di otto vittime e 24 feriti, il killer sarebbe in ospedale

Sparatoria in una università russa, morti e feriti
© Shutterstock

Sparatoria in una università russa, morti e feriti

© Shutterstock

(Aggiornato alle 12.50) Una persona non ufficialmente identificata, probabilmente uno studente 18.enne, ha aperto il fuoco in uno degli edifici dell’Università Statale di Perm in Russia: il bilancio parziale sarebbe di otto morti e 24 feriti. Lo sostiene il Comitato Investigativo citato dalla Tass.

L’autore della sparatoria non sarebbe morto come inizialmente indicato: secondo il Comitato Investigativo russo l’aggressore è vivo e si trova in ospedale, dove sta ricevendo cure mediche.

«Una persona è entrata nell’edificio universitario e ha aperto il fuoco. Alcuni studenti si sono chiusi negli auditorium delle università per nascondersi dall’aggressore. Alcuni studenti sono saltati fuori dalle finestre. Le forze dell’ordine si stanno dirigendo sul posto», ha osservato una fonte.

L’autore della sparatoria sarebbe il 18.enne Timur Bekmansurov. Lo riporta la testata indipendente Meduza che cita a sua volta i canali Telegram di 112 e Baza. Mash - altro media attivo su Telegram - ha scritto che stava studiando alla facoltà di legge dell’università, specializzandosi in scienze forensi.

Prima della sparatoria, Bekmansurov avrebbe scritto un post su VKontakte - il Facebook russo - in cui chiedeva che le sue azioni non fossero considerate un atto terroristico e affermava di non essere membro di alcuna organizzazione estremista. «Odio me stesso, ma voglio fare del male a tutti quelli che si mettono sulla mia strada», recitava il post. VKontakte ha poi cancellato il messaggio.

Il presidente russo Vladimir Putin esprime profonde condoglianze alle famiglie e agli amici delle persone uccise nella sparatoria, fa sapere il Cremlino

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 2

    L’addio ad Alitalia, tra flash mob e «profonda tristezza»

    ITALIA

    Lo scorso mercoledì le assistenti di volo dell’ormai ex compagnia di bandiera italiana si sono tolte la divisa, a Roma, restando in sottoveste – Laura Manto, protagonista del video dell’ultimo saluto ai passeggeri: «Siamo una famiglia in lutto e per il personale di terra è ancora tutto in ‘‘forse’’» – IL VIDEO

  • 3

    Eitan potrà tornare in Italia

    La sentenza

    La corte israeliana ha deciso che il piccolo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone dovrà tornare a casa dove lo aspetta la zia

  • 4

    «Basta armi sul set, utilizziamo i computer»

    Il caso

    La tragica morte di Halyna Hutchins per mano di Alec Baldwin rilancia la questione: al bando le pistole, largo agli effetti speciali in post produzione – Il ticinese Amos Sussigan: «Possiamo ricreare qualsiasi cosa, dalle navicelle spaziali a intere città, davvero non vogliamo aggiungere quattro scintille e un po’ di fumo?»

  • 5
  • 1
  • 1