Superato il miliardo per l’Albania colpita dal terremoto

Aiuti

L’annuncio alla Conferenza internazionale dei Paesi donatori: raccolti 1,15 miliardi di euro - La Svizzera si è impegnata a versare un contributo di circa 10,2 milioni di franchi

Superato il miliardo per l’Albania colpita dal terremoto
©YouTube

Superato il miliardo per l’Albania colpita dal terremoto

©YouTube

«A conclusione della Conferenza internazionale dei Paesi donatori per l’Albania sono orgoglioso di annunciare un impegno collettivo di 1,15 miliardi di euro, il nostro sforzo comune per ricostruire il Paese (dopo il terremoto di fine novembre, ndr). Un messaggio forte per il popolo albanese: a noi importa! Metteremo rapidamente in moto l’implementazione. #Together4Albania». Lo ha annunciato il commissario per l’allargamento Oliver Varhelyi su Twitter. Alla Conferenza, organizzata su iniziativa della Commissione Europea, ha partecipato anche una delegazione svizzera. La Confederazione si è impegnata a versare un contributo di circa 10,2 milioni di franchi per aiutare il Paese colpito dal sisma lo scorso 26 novembre a far fronte ai notevoli danni. Il terremoto di magnitudo 6.4 è stato il più violento degli ultimi 40 anni. L’epicentro si trovava a 10 km a nord di Durazzo, la seconda città albanese in ordine di grandezza, situata a circa 30 km a est della capitale Tirana. Le vittime sono state 51. La Svizzera si è subito mobilitata e, su richiesta ufficiale del Governo albanese, ha inviato nella regione colpita un team di esperte ed esperti di ingegneria strutturale e una squadra di pronto intervento del Corpo svizzero di aiuto umanitario (CSA). Oltre 5200 persone hanno beneficiato del contributo dell’aiuto umanitario svizzero. Dal 1992, attraverso la cooperazione con l’Europa dell’Est, la Svizzera sostiene l’Albania, a cui fornisce un aiuto alla transizione concentrandosi in particolare sulla democratizzazione, il decentramento, lo sviluppo economico, le infrastrutture urbane, l’energia e la sanità. Quest’anno ricorreranno inoltre i 50 anni delle relazioni diplomatiche tra la Svizzera e l’Albania. Era dunque naturale e persino essenziale aiutare questo Paese partner a superare una situazione difficile.

La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) e la Segreteria di Stato dell’economia (SECO) destineranno mezzi finanziari a progetti di ricostruzione. Si prevede anche di integrare misure di prevenzione e di riduzione del rischio di catastrofi nei programmi di cooperazione e di sviluppo attualmente in fase di pianificazione. Il terremoto del 26 novembre ha distrutto o danneggiato molti edifici – sono più di 83000 quelli che hanno bisogno di riparazioni. Oltre ai 51 morti, il disastro ha provocato quasi 1000 feriti e 17 000 sfollati, che hanno perduto le loro case.

I danni sono stimati in circa 900 milioni di franchi e i costi di ricostruzione in 1,15 miliardi di franchi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1