Svolta nei Marines: il primo soldato con il turbante

USA

Per la prima volta in 246 anni è stato permesso a un tenente di origini Sikh di indossare il tradizionale copricapo

 Svolta nei Marines: il primo soldato con il turbante
©Shutterstock

Svolta nei Marines: il primo soldato con il turbante

©Shutterstock

Svolta nei Marines: per la prima volta in 246 anni è stato permesso a un soldato di origini Sikh di indossare il tradizionale turbante. Un precedente che potrebbe aprire la strada a una vera e propria rivoluzione nel corpo più di élite delle forze armate americane, ma per questo da sempre il più chiuso e intransigente verso i cambiamenti.

Non è stata facile la battaglia portata avanti dal tenente Sukhbir Toor, 26 anni, che per mesi si è dovuto duramente confrontare con i suoi superiori a rischio di mettere in pericolo la sua promozione al grado di capitano.

Una battaglia condotta in nome della libertà religiosa e che in altre branche delle forze armate americane e in altri paesi come Regno Unito, Canada e Australia è già stata vinta da tempo, che si tratti di un turbante, di un hijab o di pettinature afro.

E sono un centinaio i militari di origine Sikh che prestano servizio nell’esercito americano indossando senza problemi il turbante e sfoggiando una folta barba.

Ma per i Marines l’uniformità tra i suoi ranghi conta più che altrove e più di ogni altra cosa, è il simbolo di un legame e di uno spirito di corpo che non può cedere il passo nemmeno a quelle libertà costituzionali che i suoi uomini sono chiamati a difendere.

È per questo motivo che sono stati l’ultimo corpo dell’esercito statunitense a permettere anche agli afroamericani di arruolarsi, o che più di recente ha detto ancora una volta «no» alle donne soldato in combattimento.

Così la prima risposta data alla domanda di Toor di indossare il turbante Sikh e di farsi crescere la barba era stata negativa. La motivazione: le espressioni individuali, anche religiose, possono logorare la necessaria disciplina, erodere la fiducia verso il corpo e soprattutto minare l’efficacia nei combattimenti. In poche parole - fu la risposta dei vertici dei Marines - «può costare vite umane, e il fallimento sul campo di battaglia è un rischio inaccettabile».

Solo dopo che Toor ha minacciato di fare causa la posizione dei superiori si è ammorbidita: il tenente ora potrà indossare il turbante ma solo durante il servizio di ordinaria amministrazione in caserma, ma non in cerimonie ufficiali o in zone di combattimento.

Una vittoria a metà, dunque: «Non è abbastanza - afferma Toor al «New York Times» -. Il corpo dei Marines deve dimostrare di credere davvero nella forza della diversità, e nel fatto che non importa come appari ma come fai il tuo lavoro».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1