Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Medio Oriente

Il Governo di Gerusalemme ha fatto sapere di aver ucciso il capo militare della Jihad islamica palestinese

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina
© EPA/MOHAMMED SABER

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

© EPA/MOHAMMED SABER

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

Tensione altissima oggi tra Israele e Palestina

(Aggiornato alle 9.00) - Israele afferma di aver ucciso questa notte Baha Abu al-Ata, capo militare della Jihad islamica palestinese.

«La sua abitazione è stata attaccata in una operazione congiunta delle nostre forze armate e dei servizi segreti», afferma un comunicato militare. Secondo la radio militare, Abu al-Ata è rimasto ucciso. L’emittente ha aggiunto che la stessa jihad islamica ha confermato la sua morte. Nella zona è stato subito elevato lo stato di allerta.

Abu al-Ata era responsabile della maggior parte delle attività militari della Jihad islamica a Gaza, ha aggiunto il portavoce militare, ed era «come una bomba ad orologeria», perché si accingeva a compiere attentati terroristici.

«Aveva addestrato commando che dovevano infiltrarsi in Israele ed attacchi di tiratori scelti, nonché lanci di droni e lanci di razzi in profondità». Nell’anno passato, secondo il portavoce militare, è stato responsabile della maggior parte degli attacchi giunti dalla striscia di Gaza e di ripetuti lanci di razzi.

La sua uccisione, ha precisato il portavoce militare israeliano, «è stata decisa per sventare una minaccia immediata, era come una bomba a orologeria», ma ha chiarito che questo episodio non significa che Israele abbia ripreso la politica della ‘esecuzioni mirate’ a Gaza.

È stata ordinata da Netanyahu nella sua qualità di premier e ministro della difesa, un incarico che oggi egli si accinge a passare al nuovo ministro della difesa Naftali Bennett, leader del partito nazionalista ‘Nuova destra’.

Scuole chiuse

Un’atmosfera di massima allerta di avverte infatti in tutta la Striscia di Gaza in seguito alla uccisione del leader militare della Jihad. Assieme con lui è rimasta uccisa anche la moglie. Due vicini di casa, nel rione Sajaya di Gaza, sono rimasti feriti.

Da alcune ore dai minareti delle moschee sono rilanciate invocazioni alla vendetta. Hamas ha pubblicato un messaggio di cordoglio in cui rende onore alla figura del «combattente» Abu al-Ata. Su ordine delle autorità locali, tutti gli istituti scolastici nella striscia restano oggi chiusi.

In mattinata i comandanti delle varie fazioni armate di Gaza si riuniranno in una apposita sala di comando congiunta per stabilire la linea di condotta di fronte all’attacco israeliano.

Razzi verso Israele

Sempre di stamane la notizia per cui 50 razzi sono stati sparati da Gaza verso Israele nelle prime ore della giornata, secondo prime stime ufficiose. Sirene di allarme hanno risuonato in una vasta aerea del sud di Israele, fino a Tel Aviv. Lo riferisce il portavoce militare. Di questi 50, venti sono stati intercettati dal sistema di difesa Iron Dome. Altri sono caduti in aree aperte.

Secondo il portavoce del ministero degli esteri, un milione di israeliani si trovano nei rifugi o nelle stanze protette dei loro appartamenti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1