Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Grecia e Turchia

La scossa di magnitudo 7 è stata registrata al largo dell’isola greca di Samos ma è stata sentita in maniera forte anche sulla costa turca dove sono crollati diversi edifici - Attualmente il bilancio è di 6 vittime e 120 feriti - FOTO e VIDEO

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie
Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie
Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie
Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie
Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Izmir, Turchia. ©EPA/Mehmet Emin Menguarslan

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie
L’isola di Samos. ©Shutterstock

Terremoto nell’Egeo: a Smirne ci sono persone intrappolate sotto le macerie

L’isola di Samos. ©Shutterstock

(Aggiornato alle 16.45) - Un forte terremoto di magnitudo 7.0 è stato registrato al largo dell’isola greca di Samos, nel Mar Egeo: lo rende noto l’Usgs. Secondo l’Usgs, l’epicentro del terremoto è stato localizzato a 14 km dalla città costiera di Karlovasi, sull’isola di Samos, con ipocentro a 10 chilometri di profondità. La scossa è stata avvertita fino ad Atene, a quasi 300 chilometri di distanza, secondo i media greci. Attualmente sono 6 le vittime accertate finora in Turchia. I feriti sono 120. Lo ha riferito la protezione civile di Ankara (Afad). Almeno 3 le persone ferite estratte vive dalle macerie degli edifici crollati a Smirne. Il salvataggio di una ragazza è stato ripreso dalle telecamere delle tv locali. Le attività di ricerca e soccorso proseguono in questi minuti.

Chiesa crollata a Karlovassi

La scossa ha fatto crollare la parte anteriore della chiesa della Panagia Theotokou a Karlovassi, una delle località turistiche dell’isola greca. A Vathi, un altro centro isolano, sono crollate delle case disabitate. Secondo Cnn.gr (che pubblica una foto della chiesa colpita, presa dal sito Samos24), gli abitanti dell’isola si sono riversati in strada in preda al panico, ma al momento non si segnalano morti o feriti.

Persone sotto le macerie in Turchia

Gli effetti si sono sentiti anche sulla costa turca, a Smirne sono infatti crollati diversi edifici e un numero imprecisato di persone si trova sotto le macerie. Le scosse sono state avvertite in diverse province turche, compresa Istanbul e i media locali parlano addirittura di un mini-tsunami. Lo riferisce la Cnn turca, mostrando le immagini delle macerie. Sul posto sono giunti diversi mezzi di soccorso e dei vigili del fuoco. Le prefetture di Smirne e Istanbul hanno riferito che finora non ci sono notizie di vittime. I crolli si registrano al momento nei distretti di Bayrakli e Bornova. Secondo il ministro dell’Interno turco Suleyman Soylu, gli edifici collassati sono almeno 6. Sono in corso verifiche in diverse zone della provincia. Un centro di coordinamento dell’emergenza è stato creato a Smirne, ha fatto sapere la prefettura.

La protezione civile turca (AFAD) ha invitato gli abitanti di Smirne a non rientrare negli edifici che appaiono danneggiati e da cui erano fuggiti a seguito del forte terremoto registrato nel mar Egeo. La popolazione era scesa in strada in massa a seguito del sisma.

Erdogan: «Mobilitate tutte le forze»

«Siamo accanto ai nostri cittadini colpiti dal terremoto con tutti i mezzi del nostro stato. Abbiamo avviato le necessarie attività nella regione con tutte le istituzioni e i ministeri interessati». Lo ha scritto su Twitter il presidente turco Recep Tayyip Erdogan dopo il terremoto di magnitudo 7 registrato questo pomeriggio nel mar Egeo, che ha colpito in particolare la provincia occidentale turca di Smirne.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 ats
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1