«Terza dose per tutti gli adulti»

Pandemia

Lo chiede la direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie Andrea Ammon in una nota che accompagna il parere aggiornato dell’Agenzia Ue sulla situazione epidemiologica del Covid-19 in Europa

«Terza dose per tutti gli adulti»
© cdt/Putzu

«Terza dose per tutti gli adulti»

© cdt/Putzu

Chiudere il «divario immunitario, offrire dosi di richiamo a tutti gli adulti e reintrodurre misure non farmaceutiche». Questi gli interventi sollecitati dalla direttrice del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie Andrea Ammon in una nota che accompagna il parere aggiornato dell’Agenzia Ue sulla situazione epidemiologica del Covid-19 in Europa. Senza questi interventi, avverte Ammon, l’impatto della variante Delta in dicembre e gennaio sarà particolarmente pesante.

La priorità, sottolinea l’Ecdc, è completare il ciclo vaccinale di chi non è ancora immunizzato. «Abbiamo a disposizione vaccini sicuri ed efficaci - si legge nella nota firmata da Ammon - e fino a quando una parte più ampia della popolazione ammissibile non sarà immunizzata, gli interventi non farmaceutici devono continuare a far parte della nostra routine quotidiana».

«I Paesi - aggiunge la direttrice dell’Ecd - dovrebbero anche prendere in considerazione una dose di richiamo per tutti gli adulti di età pari o superiore a 18 anni, con priorità per le persone di età superiore ai 40 anni. La dose di richiamo è raccomandata non prima di sei mesi dopo aver completato il primo ciclo». L’analisi dell’Ecdc conferma che tra dicembre e gennaio si rischia «un gran numero di nuovi ricoveri ospedalieri di individui non vaccinati» e «l’attuale livello complessivo di diffusione della vaccinazione sarà insufficiente a limitare l’onere dei casi di Covid-19 e dei ricoveri ospedalieri», soprattutto nei «paesi con livelli di vaccinazione inferiori», che «sono quelli a rischio più elevato».

«Attualmente - prosegue Amman - meno del 70% della popolazione dell’insieme dei Paesi Ue e dello Spazio economico europeo è stata completamente vaccinata». Questo, prosegue, «lascia un ampio divario vaccinale che non può essere colmato rapidamente e offre ampio spazio alla diffusione del virus». «Dobbiamo - esorta Ammon - concentrarci con urgenza sulla chiusura di questo divario immunitario, offrire dosi di richiamo a tutti gli adulti e reintrodurre misure non farmaceutiche».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Barbados diventa una repubblica

    INDIPENDENZA

    Durantela cerimonia, lo Stendardo reale britannico è stato ritirato e la governatrice generale Dame Sandra Mason ha prestato giuramento come prima presidente dell’isola caraibica

  • 2

    La pandemia degli oppioidi: la morte corre sul Dark Web

    Il caso

    Negli Stati Uniti, gli effetti della COVID-19 causano un aumento esponenziale del consumo di antidolorifici e di morti per overdose - Sotto accusa anche i medici e il sistema di prescrizione dei farmaci - Negli ultimi anni individuati in Rete almeno una ventina di prodotti illeciti

  • 3
  • 4

    Carne di tartaruga avvelenata, 7 morti

    Tragedia

    Sette persone, tra cui un bambino, sono decedute a Pemba, un’isola dell’arcipelago semiautonomo di Zanzibar, in Tanzania, per aver mangiato l’animale

  • 5
  • 1
  • 1