Pare che il Washington Post abbia la calamita per scoperchiare «scandali» presidenziali perpetrati da uomini di potere ai danni della democrazia americana. La testata capitanata da Martin Baron è infatti entrata in possesso di una lunga conversazione telefonica tra il presidente Donald Trump e il segretario di Stato della Georgia Brad Raffensberger in cui il tycoon cerca di convincere – tra rimproveri, lusinghe, preghiere e minacce di dubbie conseguenze – il repubblicano a «trovare» 11.780 voti per ribaltare il risultato delle elezioni presidenziali dello scorso 3 novembre che, fino a prova contraria, hanno portato alla vittoria di Joe Biden e che, de facto, gli hanno permesso di aggiudicarsi l’ambita poltrona della Casa Bianca. It’s impeachable. It’s likely illegal. It’s a coup (È da impeachment....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Mondo
  • 1