Tutto il potenziale dell’Iron Dome per intercettare razzi nemici

il sistema

È tornata drammaticamente sotto i riflettori la difesa antimissile dell’esercito israeliano - Secondo fonti interne avrebbe il 90% di efficacia

Tutto il potenziale dell’Iron Dome per intercettare razzi nemici
© AP/Ariel Schalit

Tutto il potenziale dell’Iron Dome per intercettare razzi nemici

© AP/Ariel Schalit

Sono 2.400 i razzi che, dal 2011, l’Iron Dome, l’avanzato sistema antimissilistico israeliano, ha intercettato. Un sistema che, secondo fonti dell’esercito del Paese ebraico, ha circa il 90% di efficacia e che anche in questi giorni sta mostrando il suo potenziale. Sviluppato dalla società israeliana di armamenti Rafael Advanced Defense Systems, il sistema si basa su tre componenti, che possono essere spostati e posizionati ovunque, anche su una nave. L’Iron Dome (cupola di ferro) è composto da un radar che intercetta il razzo, inviando le informazioni della sua traiettoria e velocità ad un componente di calcolo.

Questo, analizzando i dati, verifica la traiettoria e se il razzo è destinato a cadere in zona disabitata, non interviene; altrimenti se è destinato a obiettivi civili e militari fa...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1