UNICEF contro la condanna al carcere per un tredicenne nigeriano «blasfemo»

Diritti

L’organo delle Nazioni Unite chiede la revoca dei dieci anni inflitti al giovane dal tribunale della Sharia

UNICEF contro la condanna al carcere per un tredicenne nigeriano «blasfemo»
© Shutterstock

UNICEF contro la condanna al carcere per un tredicenne nigeriano «blasfemo»

© Shutterstock

L’UNICEF ha «espresso profonda preoccupazione» per la reclusione e il trattamento di un tredicenne condannato per blasfemia in Nigeria. Ad agosto, infatti, il giovane è stato condannato a dieci anni di carcere con lavori umili da un tribunale della Sharia nello Stato di Kano, a nord del Paese.

La condanna «è sbagliata ... nega anche tutti i principi fondamentali alla base dei diritti dell’infanzia e della giustizia dell’infanzia che la Nigeria - e di conseguenza, lo Stato di Kano - ha firmato», ha detto Peter Hawkins, rappresentante del Fondo dell’ONU per l’infanzia in Nigeria.

L’UNICEF aggiunge in una dichiarazione che la sentenza è in violazione della Convenzione dell’ONU sui diritti dell’infanzia - ratificata dal Paese africano nel 1991 - invitando perciò le autorità federali e statali nigeriane a riesaminare urgentemente il caso con l’obiettivo di revocarla.

Diversi Stati nel nord della Nigeria hanno introdotto la Sharia, legge basata sul Corano. I tribunali della Sharia processano solo i musulmani, ma se un caso coinvolge un musulmano e non musulmano, quest’ultimo avrà la possibilità di scegliere dove andare a processo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1

    Spari contro due agenti in Kentucky

    Usa

    I due poliziotti sono rimasti feriti durante una manifestazione per Breonna Taylor, l’afroamericana uccisa lo scorso marzo - Fermato un sospettato

  • 2
  • 3

    Forme gravi di COVID-19: basta un esame del sangue

    Coronavirus

    Secondo un nuovo studio, un semplice test chiamato «ampiezza della distribuzione dei globuli rossi» sarebbe in grado di predire se un paziente possa finire tra gli individui ricoverati per l’infezione

  • 4
  • 5

    Una morte su cinque è causata dal fumo

    Malattie cardiache

    A dirlo sono l’OMS e la World Heart Federation, in vista della Giornata mondiale del cuore che si celebra il 29 settembre - Anche poche sigarette al giorno o l’esposizione al fumo passivo aumentano il rischio di malattie cardiache

  • 1
  • 1