Vigilantes armati contro i migranti

Germania

La polizia tedesca ha fermato più di 50 vigilantes di estrema destra che cercavano di pattugliare il confine polacco: avevano spray al peperoncino, una baionetta, machete e manganelli

 Vigilantes armati contro i migranti
©Shutterstock

Vigilantes armati contro i migranti

©Shutterstock

La polizia tedesca ha fermato più di 50 vigilantes di estrema destra armati di spray al peperoncino, una baionetta, machete e manganelli che stavano cercando di pattugliare il confine polacco per impedire ai migranti di entrare nel Paese.

I vigilantes - riferisce il «Guardian» - avevano risposto ad un appello di Terza Via, un partito di estrema destra con sospetti legami con gruppi neonazisti, a bloccare gli attraversamenti illegali vicino alla città di Guben. La polizia ha sequestrato le loro armi e li ha fatti sgomberare. Avevano raggiunto il confine polacco arrivando da tutta la Germania. E ieri sempre a Guben si è tenuta una veglia per protestare contro questi pattugliamenti.

La Germania ha schierato altri 800 agenti di polizia al confine polacco per controllare il flusso di migranti che cercano di entrare nell’UE dalla Bielorussia. Ma il ministro dell’interno Horst Seehofer ha detto che se sarà necessario li aumenterà. Quest’anno - ha reso noto - ci sono già stati oltre seimila ingressi non autorizzati in Germania dalla Bielorussia e dalla Polonia. Per il momento il governo tedesco non intende chiudere il confine, ma Seehofer oggi ha puntualizzato che si potrebbe dover riconsiderare una reintroduzione dei controlli alle frontiere. «Lo deciderà il prossimo governo» guidato dal socialdemocratico Olaf Scholz, che potrebbe diventare cancelliere entro dicembre.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1