Vittima di Epstein, una 15.enne tentò la fuga a nuoto

stati uniti

Nuova causa contro il finanziere - L’azione legale mira a sequestrare parte della sua fortuna e le due isole di sua proprietà

Vittima di Epstein, una 15.enne tentò la fuga a nuoto
AP Photo/Gianfranco Gaglione e New York State Sex Offender Registry

Vittima di Epstein, una 15.enne tentò la fuga a nuoto

AP Photo/Gianfranco Gaglione e New York State Sex Offender Registry

Una ragazza di 15 anni, una delle vittime sessuali di Jeffrey Epstein, tentò di scappare a nuoto da una delle Isole Vergini americane dove il finanziere portava e abusava di molte minorenni, ma poi fu catturata e le fu sequestrato il passaporto.

È quanto emerge dagli atti di una nuova causa, la prima alle Virgin Islands americane, contro il miliardario, suicidatosi in carcere a New York mentre attendeva il processo per i suoi numerosi reati sessuali.

Il procuratore locale ha sostenuto che Epstein e i suoi partner «portavano minorenni nelle Isole Vergini, le tenevano prigioniere e abusavano di loro, causando alle ragazze gravi conseguenze fisiche, mentali ed emotive». Epstein è accusato anche di aver usato visti falsi per questo traffico e un database computerizzato per tracciare i movimenti delle sue vittime.

L’azione legale mira a sequestrare parte della sua fortuna (stimata in 442 milioni di dollari) e le due isole di sua proprietà, Little Saint James e Great Saint James.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Mondo
  • 1
  • 1