VEICOLI INDUSTRIALI

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Il 2021 è un anno speciale per Daimler Trucks and Buses che celebra ben quattro anniversari: nel 1896 Gottlieb Daimler produsse il primo camion; quindi nel 1951 Otto Kässbohrer presentò il primo autobus autoportante – chiamato Setra - mentre cinque anni prima il primo prototipo di Unimog strisciava già su terreni accidentati. Infine, nel 1996, il prototipo del camion moderno, il Mercedes-Benz Actros, vide la luce.

1896: il primo camion

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Quando Gottlieb Daimler presentò il suo primo camion nel 1896, ancora su ruote di legno con pneumatici di ferro, il mondo non stava aspettando questo veicolo. Non c’era nessun acquirente in Germania, e in Inghilterra, dove il veicolo finalmente trovò un cliente, un membro dell’equipaggio era costretto a precedere il camion agitando una bandiera rossa per avvisare gli utenti della strada. Eppure, questo veicolo da quattro cavalli con un motore posteriore a due cilindri e 1,06 litri di cilindrata, chiamato Phoenix, fu la scintilla iniziale di una storia di successo senza precedenti nel trasporto delle merci.

In realtà il Phoenix aveva poco a che fare con un vero e proprio camion: in senso stretto, era un carro merci adattato, sul genere di quelli tirati per le strade dai cavalli in quell’epoca. Il suo telaio aveva molle a balestra montate trasversalmente nella parte anteriore e molle elicoidali nella parte posteriore. La sospensione era assolutamente necessaria non solo a causa delle cattive condizioni delle strade all’epoca, ma anche perché il motore era sensibile alle vibrazioni.

L’ultima parte della trasmissione era moderna: una cinghia trasmetteva la potenza del motore a un albero montato trasversalmente all’asse longitudinale della macchina, le cui due estremità erano dotate di un pignone, cioè una piccola ruota dentata. Ogni dente di questo pignone si ingranava con i denti interni di una corona dentata, che era saldamente collegata alla ruota da guidare. Molto più tardi, questo principio, che assunse il nome di assale planetario esterno, diventò un marchio di fabbrica dei camion Mercedes-Benz.

1946: il primo prototipo di Unimog

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Nel 1946, l’Unimog «Prototipo 1» completava il suo primo test drive. Il capo progettista Heinrich Rößler in persona si era seduto al volante e aveva testato il prototipo su percorsi forestali accidentati. Il prototipo era ancora privo di cabina, ma completamente carico di legname. Lo sviluppo dell’Unimog era strettamente legato alla problematica situazione di approvvigionamento della popolazione tedesca nel dopoguerra. Gli anni 1945 e 1946 furono segnati da una situazione alimentare catastrofica. Queste condizioni fecero nascere l’idea di un utensile che potesse aumentare la produttività nel settore agricolo. Il padre di questa invenzione era Albert Friedrich, per molti anni a capo dello sviluppo dei motori aerei presso la Daimler-Benz AG.

Friedrich aveva ripreso i suoi contatti con l’azienda di costruzioni metalliche di Schwäbisch Gmünd Erhard & Söhne, un fornitore della Daimler-Benz, dopo la fine della guerra, e il reparto «L» (agricoltura) fu istituito lì nel dicembre 1945. Friedrich ne affidò la gestione al suo ex collega, l’ingegnere progettista Heinrich Rößler, che prese servizio il 2 gennaio 1946. In poche settimane, fu creato un nuovo progetto in cui il blocco motore-trasmissione veniva disposto sulla parte destra del centro del veicolo. Questo permetteva ai tubi di spinta - che proteggevano gli alberi di trasmissione - di essere formati ad angolo retto rispetto agli assi. Così il telaio se la cavava con solo quattro giunti di trasmissione. Un design ingegnoso che viene utilizzato ancora oggi, 75 anni dopo, sugli Unimog della serie U 4023/U 5023. Nel marzo 1946, Hans Zabel di Gaggenau, che era stato coinvolto nel progetto fin dall’inizio, inventò il termine Unimog (Universal-Motor-Gerät) e nell’ottobre 1946 ebbe luogo il primo test drive.

1951: il primo autobus Setra

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Il marchio Setra è orgoglioso delle sue radici. Nel 1951, la Kässbohrer Fahrzeugwerke di Ulm presentò l’S 8, dando così al marchio il suo nome Setra, che sta per «autoportante». Il primo autobus prodotto in serie con carrozzeria autoportante, motore posteriore e trasmissione diretta all’asse posteriore fu presentato al Salone Internazionale dell’Auto di Francoforte. Negli ultimi 70 anni, il marchio ha stabilito degli standard di alto livello nella costruzione di autobus europei con un totale di sei serie di modelli. L’attuale ammiraglia del marchio tradizionale, da sempre sinonimo di massima individualità, è l’autobus a due piani S 531 DT della Setra TopClass 500.

Già nel 1996, un anno dopo la fusione di Mercedes-Benz Buses and Coaches e Setra per formare EvoBus GmbH, fu lanciato il marchio di servizio Omniplus, responsabile di tutte le attività post-vendita di entrambi i marchi di autobus. Oggi Omniplus ha una rete di assistenza di oltre 650 officine in 42 paesi europei e offre servizi specifici per gli autobus, pezzi di ricambio originali, formazione efficiente e servizi digitali innovativi.

1996: Mercedes-Benz Actros

Anniversari in serie per Daimler Trucks

Alla fine di settembre del 1996, Mercedes-Benz ha presentato al salone dei veicoli commerciali IAA un nuovo camion pesante che avrebbe rivoluzionato il settore: L’Actros è stato il primo camion con freni a disco su tutti i lati e il sistema di frenata elettronica EBS. Entrambi insieme hanno reso l’Actros il veicolo più sicuro della sua classe. Tecnologie innovative come i «sistemi Telligent» hanno anche portato a un significativo aumento dell’economia. Tra le altre cose, gli intervalli di manutenzione sono stati più che raddoppiati, il consumo di carburante è stato ridotto dal tre al sette per cento a seconda dell’applicazione, e il carico utile è stato aumentato fino a 400 kg. Tutto ciò è stato accompagnato da un significativo aumento della sicurezza e del comfort. Ad esempio, lo spazio di frenata a 85 km/h sull’Actros è stato ridotto di una buona lunghezza di camion grazie al sistema frenante Telligent con freni a disco su tutti i lati. L’attenzione è stata rivolta anche ai dettagli: gli innovativi rivestimenti dei parafanghi hanno ridotto in modo significativo la nebbia causata dagli spruzzi durante la guida sotto la pioggia.

Tra le altre cose, la compatibilità ambientale è stata aumentata grazie ai nuovi motori a V, più economici, e ai miglioramenti nell’assemblaggio dei veicoli: qui, il consumo di energia è stato ridotto di quasi il 50%. Le nuove cabine di guida offrivano fino al 47% di spazio interno in più ed erano interamente adattate alle esigenze degli autisti. Anche in termini di sicurezza le cabine hanno superato l’intera gamma di diversi crash test, sia nel corso di simulazioni, sia in prove reali. Ogni nuovo Actros è stato votato «camion dell’anno» dalle giurie specializzate e ancora oggi l’Actros è un pioniere in termini di sicurezza

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1