Controllo invernale

Come evitare che la batteria incroci le braccia

Come evitare che la batteria incroci le braccia
Prima dell’arrivo dell’inverno si consiglia di far controllare la batteria da uno specialista.

Come evitare che la batteria incroci le braccia

Prima dell’arrivo dell’inverno si consiglia di far controllare la batteria da uno specialista.

La stagione fredda è una vera e propria sfida per l’auto. Soprattutto la batteria può rapidamente raggiungere i suoi limiti. Per superare l’inverno senza problemi, si consiglia di prepararsi già durante l’autunno. I garagisti dell’Unione professionale svizzera dell’automobile (UPSA) aiutano le automobiliste e gli automobilisti a fare in modo che la batteria funzioni in maniera ineccepibile anche con neve e ghiaccio.
Quando le temperature scendono in picchiata e le giornate si accorciano, è tempo di preparare la nostra auto in modo che sia pronta per affrontare l’inverno. Particolare riguardo va rivolto alla batteria: più è bassa la temperatura, più debole diventa quest’ultima. E col freddo il motore ha bisogno di più corrente per avviarsi. Anche i sistemi di infotainment, il sistema di avvio/arresto automatico e altre utenze sollecitano il nostro prezioso accumulatore di energia. Non dobbiamo quindi stupirci se la batteria è la prima causa di panne in inverno.
Per il controllo della batteria è consigliabile chiedere l’intervento di uno specialista. «Con alcuni relativamente piccoli interventi è possibile contrastare le spiacevoli conseguenze dell’inverno», afferma Markus Peter, responsabile del settore Tecnica e ambiente in seno all’UPSA. Tra queste rientrano ad esempio i problemi di avvio o un guasto totale della batteria. «Un rischio a cui è esposto soprattutto chi percorre spesso solo brevi tragitti.» Infatti, durante l’inverno l’accumulatore di energia non solo viene sollecitato in maniera sproporzionata dai tradizionali sistemi energivori (come avviamento, riscaldamento, climatizzatore e illuminazione), ma non ha nemmeno abbastanza tempo a disposizione per ricaricarsi completamente. «Ogni volta la batteria perde quindi un po’ della sua capacità», spiega.
Oltre alla batteria, Markus Peter consiglia di far controllare allo specialista anche altri componenti dell’auto. Durante il classico check invernale, il garagista verifica ad esempio l’impianto d’illuminazione, i tergicristalli e i liquidi come l’olio e l’acqua di raffreddamento. «Lo specialista può anche trattare le guarnizioni delle portiere con silicone antigelo e la vernice della carrozzeria con un agente conservante. Quest’ultimo è importante perché le sostanze antigelo che vengono sparse sulle strade ghiacciate accelerano la corrosione nei punti danneggiati della carrozzeria». Durante questo check invernale, l’automobilista ottiene inoltre preziosi consigli sull’equipaggiamento per la stagione fredda.
A parte il check della batteria e quello invernale, il responsabile del settore Tecnica e ambiente richiama l’attenzione sul fatto che parabrezza, lunotto e finestrini devono spesso essere puliti sia internamente che esternamente. «Più sono puliti, meno facilmente si appannano. E una visuale chiara è fondamentale ai fini della sicurezza, soprattutto nella stagione fredda e buia», conclude Markus Peter.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1