Le nostre prove

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

La Hyundai Kona non si ferma mai

Comodità, qualità, autonomia XL e prezzo abbordabile: con queste caratteristiche, non è per nulla sorprendente che la Hyundai Kona elettrica si sia imposta come una delle auto più vendute sul mercato europeo, superando le più rosee aspettative dei dirigenti della casa coreana.
Il cliente che opta per la Kona con la spina può scegliere tra due motori elettrici: la versione a lungo raggio con batteria da 64 kWh e autonomia di 484 chilometri o la versione a raggio standard con batteria da 39,2 kWh e autonomia di 305 chilometri. Il modello ha percorso fino a 790 chilometri in ciclo urbano con una singola carica e inoltre ha stabilito un record di autonomia di 1026 chilometri sul circuito di Lausitzring in Germania.

Per il nostro test abbiamo avuto a disposizione la batteria più potente con un’autonomia di quasi 500 km, verificata.

La Kona è un SUV compatto, ma spazioso e molto curato. Offre una splendida posizione di guida rialzata, che permette di avere una bella visione della strada. È un’auto per le famiglie e infatti la rivista specializzata Autocar l’ha classificata tra le migliori vetture famigliari in circolazione.

La Hyundai Kona non si ferma mai

Il modello che abbiamo provato fa parte dell’ultima generazione: la Kona è stata lanciata nel 2018 e dopo tre anni necessitava di un aggiornamento che ha toccato molti aspetti della vettura, sia a livello di carrozzeria, sia a livello della sicurezza e degli aiuti alla guida. A livello estetico è stato in particolare rivisto il frontale della vettura, che ora si presenta con una griglia chiusa e nuove luci di marcia diurna a LED, che sottolineano l’ampia prestanza della vettura. Il frontale della nuova Kona Electric è completato da una porta di ricarica asimmetrica, che negli intenti dei progettisti vuole sottolineare l’importanza della guida elettrica. Nuove anche le prese d’aria verticali e i passaruota verniciati.

La Hyundai Kona non si ferma mai

Nell’abitacolo le novità sono interessanti e riguardano soprattutto gli schermi, che seguono la tendenza ad allargarsi sempre di più. Nella Kona il quadro strumenti digitali del cruscotto è di 10,25 pollici e si affianca ad un altro schermo della stessa misura, opzionale, che permette di accedere a tutti i servizi multimediali, tra i quali l’applicazione Bluelink, che permette di controllare la propria auto con lo smartphone o con la voce. L’app visualizza l’autonomia del veicolo e lo stato della batteria, nonché i tempi di ricarica quando è collegata ai diversi punti di ricarica pubblici o privati. Gli utenti possono accedere a un sistema avanzato di gestione della batteria per selezionare i tempi di ricarica che meglio si adattano al loro programma o al loro budget, sfruttando al massimo le tariffe dell’energia elettrica non di punta. La ricarica della batteria ai polimeri di ioni di litio dal 10 all’80 per cento richiede circa 47 minuti utilizzando un caricabatterie veloce a corrente continua (DC) da 75 kW.

Ampio e aggiornato il pacchetto di aiuti alla guida, che comprende anche il sistema di rilevamento della stanchezza.

Un dettaglio del cambio
Un dettaglio del cambio
La scheda

Motore: elettrico
Autonomia: 484 km
Potenza e coppia massima: 204 CV e 395 Nm
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 7,9 sec.
Velocità massima: 167 km/h
Consumi: 14,7 kWh/100 km
Emissione CO2: 0 g/km
Capacità della batteria: 64 kWh
Classe efficienza energetica: A
Prezzo base del modello: 42’900.- franchi

Mi piace
Non solo l’autonomia XL, ma in generale il buon rapporto qualità-prezzo di una vettura ben concepita e molto confortevole. Interessante anche l’accelerazione, piacevole e intuitiva la disposizione dei comandi sulla plancia.

Non mi piace
La presenza del pacco batterie limita un po’ lo spazio sul divanetto posteriore.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1