Le nostre prove

La Opel Mokka-e avanza
con la digitalizzazione

La Opel Mokka-e avanza<br />con la digitalizzazione
La nuova Mokka-e è più corta di 12,5 cm rispetto alla versione precedente

La Opel Mokka-e avanza
con la digitalizzazione

La nuova Mokka-e è più corta di 12,5 cm rispetto alla versione precedente

La Opel Mokka-e avanza<br />con la digitalizzazione

La Opel Mokka-e avanza
con la digitalizzazione

La Opel Mokka-e avanza<br />con la digitalizzazione

La Opel Mokka-e avanza
con la digitalizzazione

Non passa certo inosservata la Mokka-e giunta alla seconda generazione. Con il suo colore verde scintillante, compatta e grintosa vuole farsi notare in un settore, quello delle vetture completamente elettriche, sempre più affollato. Va ricordato che si tratta primo veicolo Opel in versione elettrica già a partire dal lancio sul mercato: un chiaro segnale per un futuro all’insegna delle emissioni zero per la casa tedesca. La nuova Mokka è 12,5 cm più corta rispetto alla generazione precedente ed è dotata di un passo di due mm leggermente più lungo. Il veicolo può accogliere cinque passeggeri e offre un volume di carico di 350 litri. Con una lunghezza di soli 4,15 metri, l’auto si muove in modo agile in città e può essere parcheggiata in modo semplice anche negli spazi più stretti. Si tratta anche del primo modello dotato del futuro tratto distintivo del marchio, Opel Vizor, e del cockpit completamente digitale della generazione successiva, l’Opel Pure Panel. Nessun display analogico o elementi superflui o decorativi, solo informazioni chiare e complete che puntano all’essenziale. Nel quadro strumenti disposto orizzontalmente sono integrati due display a schermo largo: quello di fronte al conducente è di 12 pollici. Le funzioni più importanti possono comunque essere ancora controllate tramite i pulsanti di comando, in modo che il conducente non venga distratto dalla ricerca nei sottomenu. Rispetto al modello precedente è più leggera di 120 kg: questo aumenta la rigidità della carrozzeria. Il motore elettrico assicura una potenza di 100 kW/136 CV e una coppia massima di 260 Nm da veicolo fermo. Reattività immediata, agilità e dinamismo sono le caratteristiche straordinarie che la contraddistinguono. Il conducente può scegliere tra le tre modalità di guida Normale, Eco e Sport a seconda delle necessità o dell’umore. La velocità massima limitata elettronicamente è pari a 150 km/h, per ridurre il consumo dell’energia immagazzinata e per garantire l’autonomia. Nella modalità Normale, con Mokka-e è possibile percorrere fino a 322 chilometri. Nella modalità Eco, l’autonomia viene ottimizzata ulteriormente. Con una colonnina di ricarica con corrente continua da 100 kW (per la quale Mokka-e è equipaggiata di serie), la batteria da 50 kWh può essere ricaricata fino all’80% in 30 minuti tramite la ricarica rapida. Wallbox, ricarica rapida o ricarica via cavo per la presa domestica: la nuova Mokka-e è compatibile con tutte le opzioni di ricarica, da quella monofase a quella trifase da 11 kW, e la sua batteria è coperta da una garanzia di 8 anni. Come detto la nuova Mokka è adesso ancora più compatta e robusta, con sbalzi molto più ridotti (nella parte anteriore 61 millimetri e nella parte posteriore 66 millimetri in meno); in compenso è più larga di 10 millimetri e vanta una silhouette con i cerchi da 18 pollici che spiccano luccicanti. Il veicolo dimostra una certa agilità ed è ideale per muoversi nell’ambiente urbano ma anche per tragitti medio lunghi: infatti non manca di comfort.

Image
La scheda

Motore: elettrico abbinato a una batteria di 50 kW
Potenza e coppia massima: 100 kW (136 CV) e 260 Nm
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 9 sec.
Velocità massima: 150 km/h
Ricarica veloce: (100 kW) 30 minuti fino all’80%
Emissioni CO2: 0 g/km
Classe efficienza energetica: A
Prezzo base del modello: 36.200.- fr.

Mi piace
Agile e compatta, la Mokka-e, nonostante l’autonomia non sia eccezionale, impressiona comunque per la capacità di ricarica durante le discese anche non ripide.

Non mi piace
Per le elettriche c’è chi chiede un’autonomia di almeno 400-500 km o più, soprattutto se si percorre quotidianamente il Ticino e la Svizzera in lungo e in largo: su questo aspetto c’è ancora da lavorare.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1