Grandland X Hybrid4

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

La prima elettrica
(ricaricabile) di Opel

BASILEA - Cominciata con l’elettrificazione della Corsa, l’offensiva verde di Opel (che entro il 2024 renderà disponibili tutti i suoi modelli in modalità elettrica) prosegue ora con la Grandland X, declinata in versione ibrida ricaricabile denominata Hybrid4, dove il quattro vuol segnalare la trazione integrale.
La necessità di introdurre un’elettrificazione su vasta scala per le case automobilistiche è dettata dalle nuove normative europee, che da quest’anno abbassano la media di emissioni di CO2 a 95 g/km come media della flotta commercializzata. Un po’ per scelta, un po’ per costrizione, anche Opel vira dunque al verde, con prodotti di ottima qualità.
Sulle strade della Foresta Nera siamo saliti a bordo di questo potente SUV plug-in con 300 CV di potenza, garantiti da un motore turbo a benzina di 1,6 litri e da due motori elettrici, uno al servizio della parte anteriore, l’altro di quella posteriore. La guida è fluida, la parte motoristica recita bene la sua parte, con uno spunto assolutamente degno di nota (da 0 a 100 km/h in 6,1 secondi). Ottima la tenuta di strada, preciso lo sterzo, morbido ed elastico il cambio automatico a otto rapporti. Il comfort a bordo è decisamente buono, con una nota ottimale per i sedili ergonomici certificati.

La prima elettrica <br />(ricaricabile) di Opel

Quattro modalità di guida
Il conducente può scegliere tra quattro modalità di guida: elettrica, ibrida, trazione integrale e sport.
Nella modalità ibrida, un dispositivo elettronico seleziona la modalità di propulsione più efficiente. Optando per la scelta elettrica, col massimo della carica della batteria l’auto può percorrere 59 km senza generare emissioni. Ovviamente si tratta di una cifra indicativa, ottenuta secondo le misurazioni del ciclo di guida WLTP, che può variare a dipendenza del percorso e dello stile di guida, tenuto conto inoltre che sull’auto è stato installato un sistema di frenata rigenerativa, che permette di ricaricare la batteria in frenata e decelerazione. Studi condotti in Germania dicono che questa autonomia copre circa l’80% della distanza media percorsa quotidianamente.
Grazie ad una funzione denominata «e-Save», la Grandland X può immagazzinare in anticipo una quantità di energia che potrà poi liberare al momento opportuno, per esempio quando dovrà muoversi in città: sarà il conducente a determinare quanta energia trattenere e il momento di liberarla. Nella modalità di guida sportiva, l’auto sfrutterà la forza combinata del motore a combustione e di quelli elettrici. La batteria installata sulla Hybrid4 non è di proporzioni enormi e trova spazio sotto i sedili posteriori senza limitare il comfort a livello di abitacolo, né compromettere le capacità di un bagagliaio che ha un volume di 390 litri, ampliabile con l’abbattimento dei sedili posteriori sino a 1528 litri.

Ricarica della batteria in due ore
A proposito di batteria: quella installata ha una capacità di 13,2 kWh. Significa che tramite una presa domestica (potenza emessa: 1,8 kWk) la ricarica completa avverrà in circa 7 ore. Con un’apposita stazione da parete domestica (la potenza parte da 3,7 kWh e può arrivare sino a 22 kWh) si potrà ricaricare la batteria della Grandland X con al massimo 7,4 kWh di forza, ciò che permetterebbe una ricarica completa in due ore.
Auto di ultima generazione, naturalmente la Grandland X Hybrid4 offre tutta una serie di sistemi elettronici di assistenza alla guida e nuovi servizi Opel Connect che permettono la navigazione live, con informazioni sul traffico in tempo reale e un pratico collegamento diretto al soccorso stradale con la chiamata d’emergenza. Se si attiva un pretensionatore delle cinture di sicurezza o un airbag, la richiesta di soccorso è inoltrata in automatico.

La scheda

Mi piace
300 cavalli che si sentono tutti e lavorano bene, sfuttando l’ottima interconnessione tra motore a scoppio e motore elettrico. Buon comfort, abitacolo ben isolato.

Non mi piace
La dotazione di serie non comprende il cavo per la ricarica con 7,4 kWh: uno sforzo che poteva starci.

Motori: a benzina, con turbocompressore, da 1,6 litri e due elettrici
Potenza: potenza complessiva di 300 CV (200 CV motore a benzina; due unità elettriche da 110 e 113 CV)
Batteria: agli ioni di litio, da 13,2 kWh
Velocità massima: 240 km/h (135 km/h in modalità elettrica)
Accelerazione: 0-100 km/h in 6,1 secondi
Consumi ed emissioni (dati forniti): 1,2-1,7 l/100 km e 28-39 g/km CO2

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1