LE NOSTRE PROVE

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata

Mazda 3, un’auto
che non passa inosservata

Dal punto di vista estetico, la Mazda 3 è una piccola perla. Piccola è un modo di dire, perché nella sua classe (la C) questo modello è certamente uno dei più importanti per gli ingombri, con i suoi 446 cm di lunghezza (e 179,5 di larghezza). Gli stilisti che l’hanno concepita hanno fatto davvero le cose per bene, disegnando linee slanciate, un frontale molto lungo che si contrappone invece ad una coda cortissima e molto arrotondata. L’insieme dà un’idea di estrema eleganza (infatti la Mazda 3 ha vinto il premio «2020 World Car Design of the Year”) e conferisce a questo modello una forte personalità e una grinta notevole, che poi magari non ritroviamo completamente nelle prestazioni di un motore onesto, ma non entusiasmante.

Per il nostro test abbiamo avuto a disposizione il top di gamma della serie Hatchback, ossia la S-X 180 AWD AT Revolution, col motore più potente (180 CV, 224 Nm di coppia) ed il cambio automatico a sei rapporti.

Forte del rivoluzionario motore Skyactiv X di cui abbiamo già parlato in più occasioni, tanto da non aggiungere nulla se non il fatto che è “aiutato” da una tecnologia ibrida leggera, la Mazda 3 è un’auto che si guida con piacere, regala emozioni, sa essere accogliente e silenziosa. Ottima la qualità dello sterzo, preciso e diretto; puntuali e ben armonizzati i rapporti del cambio automatico.

La vita a bordo è una pacchia per conducente e passeggero che siede sul sedile anteriore, un po’ meno comoda per chi deve sistemarsi sul divanetto posteriore. Una coda così tagliata era inevitabile che sacrificasse qualcosa a livello di spazio e oltre ai passeggeri è chiamato a pagare dazio anche il baule, non proprio capiente come altri della categoria a cui appartiene questo veicolo (351 litri senza i sedili reclinati).

Per quanto concerne il comfort a bordo, non manca proprio nulla sulla versione Revolution (che però richiede un supplemento di 2 mila franchi per il cambio automatico).

I sedili, regolabili elettricamente, sono comodi e non stancano il conducente anche dopo svariate ore di guida, la plancia è elegante, ben strutturata, e presenta al centro uno schermo da 8,8 pollici (non touch) che si gestisce tramite una rotellina posta lungo il tunnel centrale. La grafica è moderna, accattivante, l’uso semplice e di immediata comprensione. Il cruscotto, inserito tra i due diffusori del climatizzatore, presenta un tachimetro digitale e fornisce molte informazioni in modo chiaro.

Mazda 3, un’auto <br />che non passa inosservata
La scheda

Mi piace
Il design ricercato e raffinato della carrozzeria, l’abitacolo molto curato e la strumentazione di bordo facilmente accessibile

Non mi piace
Francamente mi sarei aspettato un motore un po’ più nervoso. I montanti posteriori e anteriori di notevole dimensione limitano la visibilità.

Motore: Skyactive X, 4 cilindri, tecnologia mild hybrid
Cilindrata: 1998 cc
Potenza e coppia massima:
180 CV e 224 Nm
Accelerazione: 0-100 km/h in 8.9 sec
Velocità massima: 210 km/h (limitata elettronicamente)
Consumi: 6,9 litri x 100 km
Emissioni CO2: 157 g/km

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1