RENAULT

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero

Per il nuovo Koleos,
un aggiornamento leggero

Fuori è rimasto quasi lo stesso (oggi ci sono i fendinebbia circondati da cromature, in fondo solo piccoli dettagli) e per la verità non c’era bisogno di grandi ritocchi, dal momento che il Koleos di Renault aveva già un disegno elegante, linee decise, grande carattere.
Il modello è cambiato “dentro”, e per dentro intendiamo l’offerta dei propulsori (nuovi Blue dCi da 150 e 190 CV offerti unicamente con la formula del cambio automatico) e soprattutto quella parte legata ai sistemi di aiuto alla guida che sono indispensabili oggi, ma dei quali la nuova versione del grande SUV della casa francese, completamente rinnovato nel 2016, era rimasta sprovvista per una scelta tutto sommato incomprensibile. Operazione recupero, la possiamo chiamare allora, o aggiornamento, decida il lettore. Il risultato è che oggi il Koleos di Renault è un’auto in linea con le esigenze del nostro tempo e che grazie a sapienti ritocchi anche all’interno dell’abitacolo esprime eleganza e regala grande comfort.
Gli interni mostrano finiture più curate, i sedili sono ampi e confortevoli. Quelli anteriori possono avere la funzione chaise lounge, particolarmente utile quando si viaggia a lungo. E lo spazio per i passeggeri del divanetto posteriore (reclinabile e con lo schienale regolabile in due posizioni) è stato ampliato.

Motorizzazioni diesel
Sotto il cofano è alloggiato un motore da due litri alimentato a gasolio che si può avere con 150 o 190 cavalli. Renault a dispetto della concorrenza continua a puntare a occhi chiusi sul diesel: scelta coraggiosa, sicuramente da condividere, ma che forse penalizza una fetta del mercato, quella che preferirebbe un motore a benzina.
Nella nostra prova abbiamo avuto a disposizione la versione Intens dotata di propulsore con 190 CV, cambio X-Tronic e trazione integrale. Diciamo che chi scrive non è un grande estimatore del sistema CVT e l’X-Tronic è un cambio a variazione continua (CVT) che seppur fluido, e migliore di cambi analoghi in circolazione, non offre grandi soddisfazioni alla guida. Va però riconosciuto offre almeno una grande comfort e agisce positivamente in termini di consumo. La novità è che oltre al cambio automatico c’è anche la possibilità di commutare sul cambio sequenziale, che permette di selezionare sette marce virtuali grazie a una tecnologia elettronica brevettata dalla Casa francese.

Tanto spazio e tanta comodità
Il Koleos è un SUV formato XL, da cui non si possono pretendere risposte sportive né per quanto offre la motorizzazione, né la componente telaio: pesa 18 quintali senza passeggeri a bordo, è lungo poco meno di 5 metri, dà il meglio di sé nei lunghi viaggi, a velocità di crociera regolare. Spazio ne offre in abbondanza: a sedili posteriori ribassati il volume di carico del bagagliaio è pari a 1706 litri.
La trazione integrale permette di selezionare tre modalità di trasmissione: trazione anteriore per ridurre i consumi, automatica (4x4) per la ripartizione della coppia tra assale anteriore e posteriore affidata all’elettronica, e modalità Lock (4x4), col differenziale posteriore bloccato e una ripartizione 50:50 della coppia tra anteriore e posteriore. Questo sistema è riservato per le condizioni estreme e di scarsa aderenza (neve, fango, terra, sabbia) e funziona solo a velocità ridotta.
Dicevamo del salto qualitativo avvenuto a livello dei sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida. Dai semplici segnalatori dell’angolo morto, all’allerta per il superamento delle linee di carreggiata; dal riconoscimento automatico dei segnali stradali, al parcheggio a mani libere; dal sistema di frenata attiva di emergenza con riconoscimento dei pedoni ai fari full LED Pure Vision passando per il sistema adattivo di regolazione automatica della velocità: Renault Koleos ha tutto quel che serve. Detto che noi abbiamo guidato l’allestimento Intens, aggiungeremo che in Svizzera gli allestimenti sono tre: alla base della scala c’è la versione Zen, in mezzo l’Intens e oltre il massimo, rappresentato dall’Initiale Paris. Prezzo di partenza 37’700 franchi.

Per il nuovo Koleos, <br />un aggiornamento leggero
La scheda del Koleos Intens Blue dCi 190 4WD X-Tronic

Mi piace
La buona insonorizzazione, un abitacolo confortevole e molto curato sotto tutti gli aspetti, lo spazio a bordo del veicolo e una linea accattivante

Non mi piace
L’assenza di una motorizzazione a benzina. Il raggio di curvatura dello sterzo è piuttosto limitato.

Motore: 4 cilindri con trasmissione automatica X-Tronic
Cilindrata: 1995 cc
Potenza e coppia massima: 190 CV e 380 Nm
Velocità massima: 210 km/h
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 10,1 sec.
Consumi: 7,1 litri/100 km
Emissioni CO2: 165 g/km

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1