Le nostre prove

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Porsche Taycan,
potenza del silenzio

INNSBRUCK- La Porsche Taycan è la prima Porsche totalmente elettrica sul mercato. Molto attesa in considerazione del prestigio, della tecnologia e della sportività che sono patrimonio del marchio, la nuova vettura non smentisce tali aspetti e si conferma come un autentico riferimento nell’ambito della trazione a corrente.
Un po’ coupé e un po’ berlina, con forme “muscolose” quanto eleganti, l’ultima nata della marca di Zuffenhausen si distingue pure perché conserva tratti tipicamente Porsche, come l’avviamento a sinistra che qui però avviene premendo un semplice tasto, o le prestazioni notevoli come i 260 km orari di velocità massima e l’80% della ricarica in 22 minuti (se collegata a ricariche da 270 kW).
La differenza con le altre “sorelle” la fa il sibilo dell’energia elettrica che la alimenta e che “aggiorna” la prospettiva a chi è al volante. Infatti, se il fatto che il cambio sia sostituito da una levetta che consente d’inserire la D è un aspetto originale, il resto del posto guida è ancora piuttosto “umano” e, dopo un periodo d’adattamento, l’ergonomia permette di avere tutto sotto controllo.

Porsche Taycan, <br />potenza del silenzio

Del resto, si tratta di una sportiva studiata per affrontare le lunghe distanze senza intoppi, capace di percorrere 450 km e di ricaricarsi (sempre da una presa da 270 kW) quanto basta per 100 km in appena 5 minuti. La Taycan proprio perché elettrica fa della silenziosità una costante: anche a velocità elevate il suono più netto è delle gomme, mentre gli specchietti non creano troppi fruscii grazie alla cura aerodinamica che offre un Cx ridotto: 0,22. L’attenzione riservata ai flussi d’aria giova pure ai freni, molto potenti sia in riferimento alle elevate performance, sia perché la Turbo S pesa ad esempio 2’295 chili a vuoto.
Si tratta comunque di una massa che non ha influssi negativi sulla guida, visto che l’auto si muove con una discreta agilità, rispondendo bene ai cambi di direzione e senza ondeggiamenti. Si tratta di un pregio legato alle sospensioni ad aria elettroniche, che ammortizzano buche e dossi in modo ineccepibile nonostante ruote di grande diametro (20” sula Turbo, 21” sulla Turbo S). La guidabilità è frutto del corretto posizionamento delle batterie, a qualche centimetro dal suolo, batterie che durante la prova (in montagna) hanno permesso di percorrere quasi 400 km con l’80% circa della carica.
La meccanica-elettronica di alto livello si specchia negli interni, curati, eleganti e all’avanguardia, con vari schermi di ampio diametro, una plancia “touch” e sedili comodi e ben profilati. La Taycan offre inoltre cinque modalità di guida, a seconda delle quali varia prestazioni e relativo dispendio energetico. Agiscono su acceleratore, sterzo e sospensioni e consentono d’adeguare l’auto al percorso. E se i bauli (davanti e dietro) non sono straordinari, il resto del “pacchetto” è tale da rendere la Taycan un’alternativa diversa dalle abituali limousine di prestigio. Il listino prevede 194’900 franchi per la Turbo (680 CV), 237’500 per la Turbo S (761 CV); è intanto in arrivo la variante 4S da 530 CV a 135’700 franchi.

La scheda

Porsche Taycan Turbo S

Potenza: 761 CV con overboost
Coppia massima: 1'050 Nm
Consumo: 26,9 kWh/100 km
Emissioni di CO2: 0 g/km
Velocità massima: 260 km/h
Accelerazione: 0-100 km/h in 2,8”

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1