La novità

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

Renault Captur, fresca <br />e reiventata

Renault Captur, fresca
e reiventata

ATENE - Renault continua l’offensiva volta a rinnovare la sua flotta: dopo Clio e Zoe, ora è Captur a sottoporsi ad un lifting completo. L’intervento di stilisti e ingegneri è stato totale, tanto che possiamo affermare di trovarci di fronte ad un’auto completamente reinventata, che ha però saputo mantenere il suo specifico DNA, garanzia di un successo che dura sin dal lancio del modello, avvenuto nel 2013 e certificato dai volumi di vendita: 1,5 milioni di vetture in 90 Paesi del mondo.

Personalizzabile

Captur è stata definita una vettura emblematica per Renault dai dirigenti della casa francese, una delle prime in assoluto a proporre la personalizzazione, che naturalmente rappresenta uno dei punti di forza anche del nuovo modello, declinabile in qualcosa come 90 variabili.
Siamo di fronte ad un’auto che si è allungata (di 11 cm) e che si presenta con linee della carrozzeria molto più espressive e decise. Il nuovo modello, più atletico e muscoloso, con fianchi elegantemente scolpiti che accolgono brillanti inserti decorativi cromati, un frontale ridisegnato che mette in evidenza i fari a LED, esprime immediatamente i tratti caratteristici del SUV, rafforzandoli rispetto alla precedente versione.

Interni di classe

Destinato ad affrontare una concorrenza agguerrita in un segmento B piuttosto affollato di modelli della concorrenza, il nuovo Captur nel confronto potrà certamente appoggiarsi alla qualità del suo abitacolo, completamente ridisegnato e ripensato, per marcare la differenza. Qui la raffinatezza francese emerge prepotentemente: convincono le scelte attuate a livello di design e di strumentazione di bordo, ma anche e soprattutto la qualità dei materiali utilizzati, che ha poco da invidiare a certe auto del segmento Premium.
Attira l’attenzione, in particolare, il grande schermo verticale centrale tattile, orientato verso il conducente. Il comfort a bordo è decisamente notevole, rafforzato dall’insonorizzazione dell’abitacolo, da spazi che gli 11 cm in più regalati alla macchina hanno fatto diventare più generosi per conducente e passeggeri, da sedili anteriori ergonomici, che ben sostengono chi li utilizza. Nella parte posteriore del Captur, di fronte al divanetto, gli ingegneri di Renault sono riusciti a inserire due bocchette per la ventilazione, una presa 12 Volt e due USB: un lusso per le auto di questa categoria.
Nella versione con cambio automatico, una trovata brillante dà un tocco civettuolo alla plancia, che presenta una cosole centrale rialzata e «volante», associata alla leva del cambio. Un altro evidente salto di qualità Renault Captur l’ha fatto in materia di sicurezza e assistenza alla guida. Il pacchetto offerto è decisamente completo e avanzato, con accorgimenti che avvicinano alla possibilità della guida autonoma.

Diverse motorizzazioni

In attesa di una versione ibrida ricaricabile, che arriverà l’anno prossimo, la gamma dei motori a disposizione per i clienti che scelgono il modello Captur è stata rinnovata e ampliata. I propulsori alimentati a benzina offrono una scelta tra 100, 130 e 155 CV, mentre il diesel ne sviluppa 115. Abbinabili a queste motorizzazioni, un cambio manuale a 5 o 6 marce ed uno automatico a sette rapporti.
Il prezzo del modello base è di 19.500 franchi.

Image
L’assistenza alla guida è di standard elevato

Mi piace
Il nuovo Captur trasmette un’immagine fresca, giovanile. Si propone con una linea moderna e con interni assolutamente degni di nota. Ottima la dotazione di assistenze alla guida.

Non mi piace
Nella prova effettuata la taratura di sospensioni e ammortizzatori ci è sembrata un po’ dura. Qualche dubbio sul cambio a soli 5 rapporti del motore da 1 litro.

Modello TCe 155 con cambio automatico:

Cilindrata: 1.333 cc
Potenza e coppia massima: 155 CV e 270 Nm
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 8,6 sec.
Velocità massima: 202 km/h
Consumi: 5,7 l per 100 km
Emissione CO²: 129 g/km

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1