Novità in casa Jeep

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico
Renegade e Compass diventano «verdi» nella versione elettrificata plug-in

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Renegade e Compass diventano «verdi» nella versione elettrificata plug-in

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico
Le doti di fuoristrada della Renegade sono rimaste intatte

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Le doti di fuoristrada della Renegade sono rimaste intatte

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico
Anche la Compass è rimasta un'auto adatta a tutti i tipi di terreno

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Anche la Compass è rimasta un'auto adatta a tutti i tipi di terreno

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

BALOCCO – Jeep vuole scrollarsi di dosso un luogo comune, sfatare una leggenda: ossia quella che vuole il costruttore di auto americano, finito nell’orbita di FCA, nemico della sostenibilità. Ammettiamolo: SUV e 4x4 non sono necessariamente dei buoni esempi della politica verde e proprio in quell’orbita si muove Jeep. Che ora però cambia, promettendo ai suoi clienti di non scostarsi dai valori tecnici e dalle emozioni della guida che da sempre contraddistinguono i suoi prodotti.
Jeep elettrifica la sua flotta e recentemente ha presentato Renegade 4xe e Compass 4xe, auto ibride plug-in. I modelli 4xe possono essere 100% elettrici: vetture ideali per la guida quotidiana in città, grazie alla batteria da 11,4 KWh abbinata al motore elettrico da 60 cavalli in grado di assicurare in media 50 km di autonomia in modalità puramente elettrica a zero emissioni. Sotto la sigla 4xe si nasconde una filosofia che non vuole assolutamente penalizzare le prestazioni (fino a 240 CV di potenza), il divertimento di guida (velocità massima pari a 130 km/h in modalità solo elettrica e a 200 km/h in modalità ibrida), efficienza (con consumi pari a circa 2 litri/100 km in modalità ibrida) e responsabilità ambientale (con emissioni di CO2 inferiori a 50 g/km nella modalità ibrida).
Tutti i modelli plug-in hybrid del marchio Jeep saranno caratterizzati dal badge 4xe, fondato su tre pilastri: efficienza, prestazioni, responsabilità. La casa afferma che sono i SUV Jeep dai consumi più bassi di sempre, grazie alla tecnologia ibrida plug-in che offre una guida a emissioni zero ed è capace di assicurare autonomia e facilità di ricarica. L’efficienza non va a scapito delle prestazioni, i modelli 4xe offrono un’ottima esperienza di guida su strada, grazie alla fluidità di risposta e accelerazione, e restano fedeli alla loro vocazione di auto a tutto terreno. L’aumento della coppia motrice garantita dalla propulsione elettrica, e la possibilità di regolarla con estrema precisione, assicurano ancora più capacità 4x4 su qualsiasi terreno per impegnative avventure off road.
Sicuramente il marchio trarrà beneficio da questa riconversione. Grazie all’ibrido plug-in sarà più facile convincere il cliente della possibilità di utilizzare una Jeep per la guida quotidiana in città, grazie ad una tecnologia che in modalità full-electric consente di viaggiare a zero emissioni con un’autonomia media di 50 km.

A livello di abitacolo tutte le versioni presentano uno nuovo schermo TFT a colori da 7” e un display touchscreen da 8.4” Uconnect con integrazione Apple CarPlay, Android Auto e radio DAB.
Trazione integrale e cambio automatico a 6 marce sono di serie, sia su Jeep Renegade, sia su Compass 4xe. Sul fronte della sicurezza entrambi i modelli offrono molti sistemi di aiuto alla guida, come l’anti-collisione, il mantenimento della carreggiata, la lettura della segnaletica stradale, il rilevatore di stanchezza, con l’aggiunta di sensori e telecamere in grado di garantire una grande sicurezza. Rispetto alla Renegade, la Compass 4xe appare più confortevole, ma le differenza di guida sono tutto sommato esigue.
Sulla strada si mettono al lavoro ben tre motori: due sono elettrici, uno agisce sulle ruote anteriore insieme al motore a benzina, il secondo lavora solo sull’assale posteriore. Il sistema ibrido permette di selezionare alcune modalità di funzionamento, ossia una guida col sistema ibrido, totalmente elettrico, oppure in modalità salvaguardia del potenziale della batteria (utile, per esempio, quando si viaggia in autostrada e si sa che si arriverà in città). La responsabilità della scelta ricade sul conducente, che in modalità Hybrid farà lavorare contemporaneamente motore a benzina ed elettrico, con la scelta Electric sfrutterà tutta l’autonomia elettrica disponibile (come detto, circa 50 chilometri, velocità massima 130 all’ora), mentre con l’E-save, consente il mantenimento della carica della batteria che potrà essere liberata in seguito. La frenata rigenerativa permette di contenere ulteriormente i consumi e di alimentare la batteria in decelerazione o frenata. Trattandosi di Jeep, il costruttore ha badato bene a curare le capacità di fuoristrada della vettura, proponendo cinque modalità di guida speciali adatte al terreno innevato, fangoso, ricco di sabbia o sulle rocce.
Jeep Renegade 4xe è in vendita in Svizzera a partire da 39’900 franchi, la Compass 4xe da 44’900.- fr.

La scheda della Jeep Renegade 4xe
Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Cilindrata: 1’332 cc
Potenza e coppia massima: 190 CV e 270 + 250 (elettrico) Nm
Velocità massima: 182 km/h
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 7,5 sec.
Consumi: 3,93 litri/100 km (benzina + equivalente consumo elettrico)
Emissioni CO2: 53 g/km

La scheda della Jeep Compass 4xe
Renegade e Compass abbracciano l’elettrico

Cilindrata: 1’332 cc
Potenza e coppia massima: 190 CV e 270 + 250 (elettrico) Nm
Velocità massima: 183 km/h
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 7,9 sec.
Consumi: 3,86 litri/100 km (benzina + equivalente consumo elettrico)
Emissioni CO2: 50 g/km

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1