Le nostre prove

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV

Presentata come l’anti Tesla l’anno scorso nella versione high-tech (denominata Long range Dual motor), con trazione integrale, pacco batterie da 78 kWh e due motori elettrici per ogni assale, la Polestar 2 si è evoluta, nel senso che ha aggiunto due nuovi modelli al top di gamma. Noi abbiamo potuto provare la versione Long range Single motor, che come il nome fa capire è dotata soltanto di un motore (a trazione posteriore) ma ha la stessa batteria del top di gamma. La quale, alimentando un solo propulsore elettrico, aumenta l’autonomia, portandola secondo i dati forniti dalla casa ed elaborati in laboratorio, sino ad un massimo di 540 km. Nel nostro test non siamo andati oltre i 480 km, ma a determinare l’autonomia, ormai è risaputo, concorrono fattori ambientali, tipologia della strada e modalità di guida.

Francamente, dopo aver condotto anche la versione top di gamma, non abbiamo riscontrato grandi differenze tra il modello dotato di due motori e quello testato di recente, salvo, evidentemente, per le prestazioni: accelerazione meno pronunciata (da 0 a 100 km/h in 7,4 secondi anziché in 4,7) e velocità massima ridotta a 160 km/h (anziché 205).

Per il resto, occorre parlare di auto praticamente identiche, anche perché la politica di Polestar è molto chiara: l’auto in pronta consegna (si ordina online, come Tesla) ha quasi tutto quel che serve, gli optional sono contenuti in pochi pacchetti opzionali che si possono aggiungere indipendentemente dalla configurazione iniziale del veicolo.
La Polestar 2 è un’auto di gran livello, molto curata a livello di abitacolo, ben insonorizzata, spaziosa, dalle prestazioni molto interessanti e costruita secondo standard di sicurezza molo elevati. Basti pensare che il pacco batteria è stato inserito in un involucro di alluminio che lo protegge in caso di incidente e che in caso di impatto lo stesso pacco batteria viene automaticamente scollegato diventando inattivo.

Esteticamente abbiamo a che fare con un crossover un po’ rialzato da terra che ha le forme di una berlina (ci si sta comodi in cinque) e si presenta in versione fastback con una linea moderna dalla personalità molto pronunciata.

Gli interni sono stati ricavati con uno stile minimalista ma curato, al centro della plancia troneggia il display da 11 pollici che consente di controllare quasi ogni funzione della vettura, il cui sistema operativo è firmato Google. E questo significa Google Maps e assistente Google per il controllo vocale e ogni app di Google presente sul grande tablet, dall’utilizzo semplice e intuitivo. Del resto, quest’auto è stata concepita per garantire un’esperienza di guida facile e divertente, raggiungendo l’obiettivo.

Ricarica divertente
Cosa c’è di più divertente che godersi i tempi della ricarica guardando qualche programma televisivo? Con Polestar 2 lo si può fare, guardando in streaming i programmi delle emittenti televisive RSI, RTS e SRF direttamente sul display centrale da 11 pollici della vettura, dotata di recente di un aggiornamento con una apposita app.
«Attraverso l’app video di Polestar e le dirette streaming delle emittenti televisive RSI, RTS e SRF i proprietari di una Polestar 2 possono godersi i contenuti che preferiscono quando e dove vogliono», afferma Sascha Heiniger, Head of Polestar Switzerland. «La nostra offerta di dirette streaming sarà costantemente ampliata, per garantire ai nostri clienti contenuti sempre interessanti mentre la loro auto è parcheggiata o in ricarica».
L’app video di Polestar può essere utilizzata quando l’auto è ferma. Una volta usciti dalla modalità di parcheggio, l’audio continua a essere riprodotto in background, in modo che gli occupanti possano continuare ad ascoltare la trasmissione in corso. Il volume di dati utilizzato dall’app è già incluso nel pacchetto dati del veicolo e non genera costi supplementari.

Ricaricando Polestar 2 puoi guardare la TV
La scheda

Motore: un propulsore elettrico, trazione posteriore
Potenza e coppia masisma: 231 CV e 330 Nm
Capacità della batteria: 78 kWh
Autonomia: 480 km (verificata durante il test)
Tempo di ricarica: max 150 kWh: da 10 a 80% in 35 minuti
Consumo: 17,1 kWh/100 km
Accelerazione: 0-100 km/h in 7,4 sec.
Velocità massima: 160 km/h
Classe efficienza energetica: A
Prezzo base del veicolo: 46’900.- franchi

Mi piace
Grande attenzione per i dettagli, buona qualità dei materiali, grande sviluppo dell’infotainment. Anche a livello di sicurezza, Polestar - sorella di Volvo - ha fatto le cose per bene.

Non mi piace
Nella versione base mancano alcuni aiuti alla guida che su un veicolo del segmento superiore dovrebbero essere di serie. L’insonorizzazione dell’abitacolo quando si superano i 100 km/h lascia un po’ a desiderare.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1