Scooter

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Seat si lancia <br />nel mondo elettrico

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Seat si lancia <br />nel mondo elettrico

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Seat si lancia <br />nel mondo elettrico

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Seat si lancia <br />nel mondo elettrico

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Seat si lancia <br />nel mondo elettrico

Seat si lancia
nel mondo elettrico

Sono passati ben 66 anni da quando SEAT ha sviluppato il suo primo veicolo. Già allora l’obiettivo dell’azienda era quello di rendere le persone mobili. Quasi settant’anni dopo aver sviluppato il suo primo veicolo, la casa automobilistica spagnola Seat inaugura una nuova era di mobilità con il suo primo e-scooter completamente elettrico. Lo studio concettuale si distingue per un concetto di illuminazione innovativo, soluzioni pratiche di connettività e una geometria accattivante. L’e-scooter è stato studiato particolarmente per la condivisione delle flotte e il suo lancio sul mercato è previsto nel corso di quest’anno.

Approccio completamente nuovo

I designer di Seat hanno affrontato lo sviluppo dell’e-scooter con un modo di pensare completamente diverso dal solito, riferisce Joan Melenchon, Exterior Designer della casa spagnola: «L’e-scooter nasce da una visione completamente nuova. Guidare una moto è molto più interattivo che guidare un’auto e l’ergonomia è molto più importante».

L’e-scooter di Seat nasce e sarà costruitoa Barcellona, che tra tutte le metropoli europee ha la più alta percentuale di motociclisti nel traffico cittadino. L’aspetto dell’e-scooter è caratterizzato da linee chiare e stilizzate.

«Il nostro obiettivo era quello di creare una nuova icona del veicolo, semplice e adatta all’uso quotidiano, ma anche inconfondibile e riconoscibile. Ci siamo deliberatamente concentrati su un pacchetto visivamente minimalista e soprattutto sulla facilità d’uso e sulla funzionalità», spiega Joan Melenchon. Il risultato è un design funzionale con elementi pratici come la batteria sostituibile per una facile ricarica e una mobilità senza soluzione di continuità.

Progettato per la condivisione di flotte

Il nuovo e-scooter è adatto a tutti i gruppi target, ma è stato sviluppato appositamente per la condivisione delle flotte. Per questo motivo sono stati utilizzati materiali robusti, come il rivestimento in gomma dei paraurti laterali. Il posizionamento strategico dei componenti garantisce una facile sostituzione in caso di danni. Anche il comfort necessario è stato preso in considerazione: la speciale sella sagomata offre spazio sufficiente per due caschi, mentre due porte USB e un supporto per smartphone permettono al pilota di rimanere connesso mentre è in movimento.

Più sicurezza grazie agli elementi fluorescenti

Il nuovo e-scooter di Seat doveva avere anche una buona visibilità nel traffico stradale e per questo è stato studiato con attenzione. «Per noi era importante che l’e-scooter si distinguesse. Volevamo creare - soprattutto per quanto riguarda la condivisione dei concetti - un veicolo che non si dimentica facilmente una volta parcheggiato. Ci siamo riusciti», dice felice Joan Melenchon. I designer del reparto Color & Trim hanno scelto il nero come colore di base, ma poi hanno posto accenti suggestivi nel bianco fluorescente. «Abbiamo applicato questo colore intenso, che cattura davvero l’attenzione, solo in punti sporgenti. Ciò rende l’e-scooter chiaramente visibile agli altri piloti e quindi garantisce una maggiore sicurezza», spiega Francesca Sangalli, responsabile del reparto Color & Trim.

Ispirato dal mondo dell’automobile

Il nuovo studio concettuale di Seat si distingue anche per la tecnologia all’avanguardia. Oltre ad un nuovo tipo di sistema di illuminazione che si estende dalla parte anteriore e posteriore, l’e-scooter ha un’innovazione che prima era conosciuta solo dalle nuove auto, come spiega Joan Melenchon: «Il nostro e-scooter è dotato di indicatori dinamici che si vedono regolarmente sulle nuove auto, ma che finora non sono stati utilizzati sulle moto. Abbiamo voluto integrare questi indicatori nel nostro studio concettuale perché forniscono un segnale visivo inconfondibile. Questo sottolinea anche lo status dell’e-scooter come icona del suo tempo».

I dati tecnici forniti dalla casa spagnola dicono che l’e-scooter di Seat avrà un’autonomia di 115 km e il motore, completamente elettrico, un potenza di 14,8 CV, in grado di spingere il motoveicolo fino a 100 km/h di velocità massima.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1