Le nostre prove

Subaru XV e-Boxer:
elegante e robusta

Subaru XV e-Boxer:<br />elegante e robusta

Subaru XV e-Boxer:
elegante e robusta

Subaru XV e-Boxer:<br />elegante e robusta
La linea è più filante

Subaru XV e-Boxer:
elegante e robusta

La linea è più filante

Subaru XV e-Boxer:<br />elegante e robusta
L’interno è spazioso e tecnologico

Subaru XV e-Boxer:
elegante e robusta

L’interno è spazioso e tecnologico

Subaru XV e-Boxer:<br />elegante e robusta
Il comportamento fuoristrada è ottimo

Subaru XV e-Boxer:
elegante e robusta

Il comportamento fuoristrada è ottimo

Avevamo preso contatto con la Subaru XV e-Boxer, cioè con la nuova tecnologia ibrida, a inizio febbraio nelle condizioni estremi della Lapponia, a venti gradi sottozero, su ghiaccio e neve: il comportamento su strade e piste da sci (di notte) è stato ottimo in ogni situazione. Nessuna sorpresa quindi quando l’abbiamo provata sulle strade di casa nostra. Ma facciamo un passo indietro: la base per il lancio dei modelli e-Boxer è stata creata alla fine del 2017 con l’introduzione della seconda generazione della XV e della nuova Impreza. Entrambi i modelli sono stati costruiti sulla Subaru Global Platform (SGP), che costituisce la base di tutti i futuri modelli della casa pioniera della trazione integrale. Grazie alla sua nuova architettura, offre un sensibile aumento della rigidezza, sicurezza e stabilità. Inoltre, la SGP è stata progettata sin dall’inizio per una possibile elettrificazione della trazione. Nel dicembre 2019 è stato lanciato il primo modello e-Boxer: la Forester. Nel gennaio 2020, è seguita la XV e-Boxer. Entrambi i modelli sono spinti da un rivisitato motore boxer a benzina di due litri che sviluppa 150 CV, affiancato da un motore elettrico da 12,3 kW/16,7 CV incorporato nel cambio automatico a variazione continua e da un accumulatore agli ioni di litio. Questo aggiunge 110 kg al peso dell’auto, ma non penalizza l’abitabilità interna, migliora di alcuni decimi l’accelerazione e riduce il consumo di carburante di circa il dieci per cento. Durante la guida la differenza è piccola ma significativa. Il motore elettrico è subito pronto, prima che il motore a benzina abbia sviluppato tutta la sua potenza. Nelle partenze da fermo e negli scatti veloci l’e-Boxer risponde immediatamente e con maggiore grinta. Con lo stile di guida appropriato è possibile percorrere fino a 1,6 chilometri in modalità elettrica. L’accumulatore immagazzina l’energia necessaria a questo scopo in fase di rilascio e nei tratti in discesa. Il look è allo stesso tempo elegante e robusto. L’interno è curato e raffinato ed è ricco di tecnologia grazie al sistema di infotainment di ultima generazione che permette di essere sempre connessi. Molto ampio e completo è il ventaglio dei sistemi di sicurezza attiva. La posizione di guida rialzata offre un’ottima visuale, mentre la trazione integrale permanente simmetrica e l’altezza da terra permette di affrontare agevolmente percorsi con fondi sconnessi: particolarmente apprezzata è la modalità X: durante le discese ripide l’Hill Descent Control mantiene automaticamente una velocità costante. Lo sterzo è diretto e il cambio fluido anche se poco rapido: insomma un crossover gradevole da guidare e polivalente. Il prezzo parte da 36.500 franchi.

La scheda

Mi piace
L’ampia dotazione di serie, il comfort, la qualità della guida fuoristrada.

Non mi piace
Nonostante il sistema ibrido i consumi, a dipendenza dello stile di guida, sono sopra la media.
Il cambio a variazione lineare non è sempre reattivo.

Cilindrata: 1.995 cc
Potenza e coppia massima: 150 CV e 195 Nm
Motore elettrico: 12,3 kW e 66 Nm
Velocità massima: 193 km/h
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 10,7 sec.
Consumi: 7,9 l/100 km
Emissioni CO2: 180 gr CO2/km

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1