AUDI

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

Un salto nel futuro <br />con la e-tron

Un salto nel futuro
con la e-tron

La prima cosa che colpisce - ma siamo proiettati nel futuro e non v’è da stupirsi: tutte le auto elettriche fra un po’ saranno così - è l’assenza degli specchietti retrovisori. Al loro posto, per il modello e-tron 55 che abbiamo testato recentemente, Audi ha previsto delle telecamere che proiettano le immagini su due schermi installati sulle portiere all’interno dell’abitacolo. Ci vuole un po’ ad abituarsi e a volte lo sguardo corre fuori dal finestrino alla ricerca dello specchio che non c’è, col rischio di procurare qualche grattacapo quando s’intende lasciare la corsia di marcia per lanciarsi in un sorpasso.

Telecamere al posto degli specchietti
Telecamere al posto degli specchietti


Superato questo momento di... sbandamento, si apprezza però la forza di un motore (anzi, di due motori che lavorano in modo asincrono) che scarica sulle quattro ruote motrici una potenza enorme, disponibile sin dal primo tocco del pedale del gas. Ormai la questione è ben nota agli appassionati dei motori: il propulsore elettrico mette a disposizione tutta la potenza di coppia immediatamente e il risultato sono accelerazioni mozzafiato che ti schiacciano contro il sedile.
L’Audi e-tron 55 in questo senso è sicuramente una delle elettriche più performanti del momento e rende un piacere di guida grande così.
Realizzata sfruttando lo stesso pianale della Q8, possiede una stazza che non lascia indifferenti, anche se la sua «massa muscolare» viene attutita dagli accorgimenti escogitati dai designer, che hanno reso filante e moderna una linea molto aerodinamica.
L’offerta di spazio e comfort è tipica dei modelli di classe superiore proposti dal marchio tedesco, la trazione integrale elettrica regola in modo permanente e completamente variabile la distribuzione ideale delle coppie motrici tra i due assi in poche frazioni di secondo. Per raggiungere la massima efficienza, nella maggior parte dei casi il SUV elettrico utilizza primariamente il motore posteriore. Quando il conducente richiede più potenza di quanta possa approntare il motore elettrico posteriore, la trazione integrale elettrica a quattro ruote motrici sposta la coppia sull’asse anteriore. Tutto ciò garantisce alla vettura una grande stabilità e una grande aderenza alla strada anche nelle situazioni più difficili.

Nonostante il suo peso, che arriva a quasi 2,5 tonnellate, la e-tron si rivela tutto sommato un’auto agile, una sportiva purosangue e si fa apprezzare anche per la sua straordinaria silenziosità: nemmeno il fruscio delle ruote viene percepito a bordo di un abitacolo curato nei minimi dettagli, confortevole ed estremamente elegante.
L’Audi e-tron è la prima vettura di serie che si può ricaricare fino a 150 kW con corrente continua presso le colonnine per la ricarica rapida. Purtroppo va detto che l’infrastruttura necessaria al momento è ancora molto limitata: poche stazioni dispongono delle colonnine in grado di raggiungere questa potenza, la maggior parte di esse arriva ad un massimo di 100 kW. In tal modo comunque, la e-tron sarebbe pronta a ripartire per la successiva tappa del viaggio in circa mezz’ora.
Una plancia suddivisa su più livelli e ampi display accolgono il conducente, che al momento di mettersi alla guida sarà facilitato da una strumentazione completa, digitale e molto intuitiva. Spariti bottoni e manopole, inutile la leva del cambio. L’Audi virtual cockpit di serie fornisce al conducente una panoramica completa di tutte le informazioni sotto forma di grafici precisi e ad alta risoluzione, e mette a disposizione, a scelta, due modalità di visualizzazione.
Una tecnologia sofisticata esplica tutti i suoi effetti durante il viaggio, monitorando i dati di marcia e raccogliendo un gran numero di informazioni che vengono rielaborate da una centralina super intelligente, in grado di accelerare o rallentare l’andatura del veicolo in modo predittivo. Insomma, con l’Audi e-tron entriamo direttamente nel futuro dell’automobile, che permette di trasformare un’esperienza di guida in una fantastica avventura vissuta nella massima sicurezza grazie alle applicazioni che garantiscono l’assistenza alla guida.

Tanta tecnologia e tanto lusso hanno però un prezzo: quello della e-tron advanced che ci è stata messa a disposizione per il test parte da 91’800.- franchi.

Un salto nel futuro <br />con la e-tron
La scheda

Mi piace
La tenuta di strada pressoché perfetta, gli interni lussuosi, il grande spazio dell’abitacolo, la tecnologia di aiuto alla guida e la velocità di ricarica della batteria.

Non mi piace
Tutto sommato l’unico difetto riscontrato è stato nella lettura automatica della segnaletica stradale. In modalità di guida automatica, non è simpatico che l’auto freni d’improvviso in autostrada perché il sistema ha rilevato la velocità ammessa per l’uscita sullo svincolo.

Motore: doppio propulsore elettrico
Capacità della batteria: 95 kWh
Potenza massima di carica: 150 kW
Potenza e coppia massima: 361 CV e 561 Nm *
Accelerazione: da 0 a 100 km/h in 6,6 sec. *
Velocità massima: 200 km/h (limitata elettronicamente)
Consumi: 28.1 kWh/100 km
Emissione CO2: 0 g/km

In modalità Boost (con una maggiore spinta dei motori): 408 CV e 664 Nm e accelerazione 0-100 km/h in 5,7 sec.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori e mobilità
  • 1