Audi

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Presentato negli Emirati Arabi Uniti il SUV a zero emissioni: l’autonomia supera i 400 chilometri

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

Audi e-tron, un’elettrica polivalente

ABU DHABI Sfreccia silenziosa nel deserto, il sole basso sull’orizzonte, dune a destra e a sinistra, una strada abbozzata ma sempre diritta. Per chilometri e chilometri. Ogni tanto un recinto con una decina di dromedari. In mezzo al nulla, senza un rumore. Aprendo il finestrino si potrebbe quasi udire il canto delle dune. Siamo alla guida del primo modello di serie di Audi completamente elettrico, la e-tron. Per questo evento mondiale il costruttore tedesco ha scelto gli Emirati Arabi Uniti e la sua capitale, Abu Dhabi.

Questo SUV elettrico al cento per cento, oltre ai contenuti di elevata tecnologia, si distingue per la sua versatilità: spaziosa e confortevole, abbiamo avuto l’opportunità di provarla in varie situazioni. Dall’autostrada, ai percorsi di montagna, fino alla guida fuoristrada vera e propria (sulla sabbia e lungo un percorso accidentato) l’Audi e-tron si trova a suo agio e stupisce per la capacità di adattamento.

Il percorso (di alcune centinaia di chilometri) del test è iniziato a Masdar City, considerata una delle città più sostenibili al mondo, capace di accogliere 50 mila abitanti. Situata a poca distanza dall’aeroporto internazionale di Abu Dhabi, in un’area residenziale in rapida crescita, dove ha tra l’altro la sede principale l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili. Masdar City è un vero e proprio laboratorio del futuro in cui, grazie alla collaborazione di enti governativi, università e industrie, si punta tutto sullo sviluppo sostenibile con l’impiego di energie rinnovabili e pulite. Un punto di partenza ideale per la e-tron che si inserisce, con decisione, nel solco della mobilità del futuro.

Per il marchio dei quattro anelli la e-tron (prodotta in Belgio, in uno stabilimento a zero emissioni) rappresenta una pietra miliare che lo proietta in una nuova era.

Combina infatti le esigenze quotidiane di un’automobilista e il comfort di una vettura di categoria superiore con una propulsione senza emissioni.

Con grande curiosità e molte aspettative (di auto totalmente elettriche ne abbiamo provate diverse in questi ultimi danni, dalla Tesla, che ha aperto la strada alle vettura con un’elevata autonomia, fino alla Jaguar I-Pace, auto svizzera del 2019, alla Nissan Leaf e alla Renault Zoe, tanto per citarne alcune) eccoci al volante dell’Audi e-tron dopo aver ascoltato le spiegazioni tecniche degli esperti della casa tedesca. Con una potenza complessiva di 300 kW, pari ad oltre 400 CV, la e-tron è equipaggiata con due motori elettrici asincroni, uno anteriore e uno posteriore. Il peso totale è di quasi 2,5 tonnellate (compresi i 700 kg della batteria agli ioni di litio) con un carico rimorchiabile di 1.800 kg. L’autonomia dichiarata è di oltre 400 km con un’accelerazione da 0 a 100 km/h di 5,7 secondi con funzione boost (6,6 secondi normale). La velocità massima è di 200 km/h: in autostrada, dove i limiti variano abbiamo raggiunto i 160 km/h. L’abitacolo è denso di tecnologia: tra le particolarità notiamo gli specchietti retrovisori esterni virtuali installati per la prima volta su un’auto di serie: in pratica si guarda all’interno, su due piccoli schermi che riproducono le immagini del retrovisore.

Loading the player...

Il percorso prevede inizialmente un tratto autostradale: effettivamente la e-tron è molto confortevole con un’ottima insonorizzazione. Le accelerazioni sono rapide. Lo sterzo preciso e il comportamento di marcia è all’insegna della stabilità. La e-tron affronta con nonchalance la strada tortuosa della montagna Jebel Hafeet (1.245 metri di quota), la più alta dell’Emirato di Abu Dhabi e la seconda più alta degli Emirati Arabi Uniti dopo la vetta di Jabal Jais (di oltre 1.900 metri di quota).

Ancora più interessante dal profilo tecnologico è la discesa: il sistema di controllo dell’impianto frenante integrato (installato per la prima volta su un’auto di serie) permette di recuperare il 30% dell’energia: infatti, scendendo lo schermo indica quanta energia cinetica viene convertita in elettricità con il conseguente aumento dell’autonomia.

La e-tron ha anche una funzione Offroad (si alza di 5 cm): eccoci quindi su un percorso fuoristrada che affronta in scioltezza grazie alla nuova generazione di trazione quattro. Prima di raggiungere Abu Dhabi ci aspetta anche un tratto di deserto, forse la parte più affascinante della prova: anche qui la e-tron ha un comportamento impeccabile. I tratti molto sabbiosi non pongono alcun problema di stabilità. La ricarica è pratica e veloce (vedi testo sotto). Il prezzo è di 89.900 franchi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori
  • 1
  • 2
    IL SALONE DELL’AUTO A GINEVRA

    Supercar da sogno: andiamo a scoprirle

    La Bugatti «Voiture Noire» è stata costruita come esemplare unico per celebrare i 110 anni del marchio: costa 11 milioni di euro

  • 3
    GINEVRA

    Cassis lancia il Salone dell’auto

    Il consigliere federale ha approfittato dell’occasione per sottolineare l’importanza degli accordi bilaterali con l’UE - L’industria automobilistica impiega 220mila persone per un giro d’affari di 12 miliardi - LE FOTO

  • 4
  • 5
  • 1