PORSCHE

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Abbiamo provato il SUV della casa di Zuffenhausen, una vettura che coccola i suoi passeggeri, capaci di accelerazioni da brivido

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

Con la Cayenne E-Hybrid, Porsche ha effettuato un salto di qualità nel settore dell’elettrificazione del suo SUV di lusso, presentato e messo in vendita nella seconda metà dello scorso anno. Ma la casa di Stoccarda ha percorso una lunga strada in questo senso, dato che già nel 2010 ha proposto un primo modello, la Cayenne S Hybrid, che è stata pioniera nel suo segmento di appartenenza. Un ruolo che nel 2014 ha svolto anche la Cayenne S E-Hybrid con l'introduzione della tecnologia ibrida plug-in.
Abbiamo avuto la fortuna di poter condurre un test di guida con la nuova Cayenne E-Hybrid, un’auto che come poche coccola il conducente, in tutti i sensi. Prima di tutto offrendo un comfort straordinario a bordo, quindi coniugando rispetto per l’ambiente (grazie alla cospicua riduzione delle emissione nocive) ed esaltanti prestazioni sportive, garantite da una perfetta simbiosi tra motore elettrico e motore a combustione.
Mentre la potenza di quest’ultimo - un V6 da tre litri - rispetto al modello precedente è stata contenuta a soli 7 cavalli, salendo quindi a 340 CV, il motore elettrico da 100 kW (136 CV) presenta il 43% di potenza in più. Il tutto garantisce una potenza complessiva di 462 CV, ossia un valore superiore a quello del modello precedente di 46 CV. Anche la capacità della batteria e quindi l'autonomia elettrica è aumentata, passando da 10,8 a 14,1 kWh, il che indica un aumento di circa il 30%.
Grazie all’immediata disponibilità della coppia massima di 700 Nm, la risposta del motore assicura un'esperienza di accelerazione impressionante, che porta la Cayenne E-Hybrid da 0 a 100 km/h in 5,0 secondi e rende inebrianti i sorpassi.
Nella modalità di guida E-Power l’auto si muove unicamente grazie all’energia elettrica che a detta della casa garantisce una quarantina di km di autonomia: nel corso del nostro test però non siamo mai riusciti a caricare la batteria oltre i 35 km di autonomia. In modalità Hybrid Auto, è una centralina a gestire sapientemente il consumo di elettricità alternato a quello della benzina, con la possibilità per il conducente di attivare la modalità di ricarica che sfrutta, a dipendenza della situazione di guida, sia l’energia prodotta dal motore a combustione, sia l’energia cinetica generata dall’auto in movimento. L’opzione risulta particolarmente interessante, poiché conoscendo il percorso si possono mettere in atto strategie volte al contenimento dei consumi, sfruttando tratti in discesa o lunghi falsopiani, per poi utilizzare l’elettricità, per esempio, nei percorsi urbani.
Detto che a bordo non manca nulla, l’insonorizzazione è eccellente, che l’utilizzo della strumentazione è di una chiarezza esemplare, che le finiture sono lussuose e al pacchetto di assistenza alla guida è impossibile chiedere di più

Cayenne E-Hybrid: un’auto da sogno, ma alla portata di pochi

(attenzione però: Porsche non regala nulla e la lista degli optional può portare il prezzo alle stelle), definiremmo l’esperienza alla guida di quest’auto come emozionale e intensa, perché nel DNA del SUV di casa Porsche c’è tutto un concentrato di tecnologia che rende straordinaria un’azione tutto sommato normale come mettersi alla guida di un’automobile. Il cambio automatico Tiptronic S a otto marce è di una morbidezza esemplare, è dolce e rapido fino al punto da non lasciar quasi percepire il passaggio da un rapporto all’altro.
Il comportamento della vettura in corsa è semplicemente eccellente: la quattro ruote sembrano sempre incollate alla strada, l’inserimento in curva sembra sfruttare due binari, la scelta della modalità di guida consente di affrontare il viaggio in maniera confortevole e rilassante oppure in modo più sportivo, andando a scomodare l’aggressività di un motore capace di ruggire tutto sommato con modi gentili. Il costo di questo gioiello? Il prezzo base è di 119’300 franchi, il modello in prova era caricato di un allestimento opzionale per 31’790 franchi per un totale di fr. 151’090.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori
  • 1