MERCEDES

Classe A, l’auto chiacchierona

Funzionale e dal carattere sportivo è un concentrato di alta tecnologia in cui spicca il sistema multimediale

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Classe A, l’auto chiacchierona

Leggera, fluida, silenziosa, confortevole e soprattutto digitale: la nuova Mercedes Classe A dispone di non pochi atout per sedurre conducente e passeggeri. E parla, parla, solo se interpellata però, cordiale e servizievole. Basta dire, per esempio: «Hey Mercedes: ho freddo», e «lei» alza la temperatura, oppure: «Domani farà bel tempo a Lugano?» Subito ti dà le previsioni meteo. Col tempo, dicono alla Mercedes, la «voce» riconosce il tuo tono, fino a che punto non si sa. Dialogare con la propria vettura e ottenere risposte sensate e precise non è mai stato così facile. Questo grazie al sistema multimediale MBUX (Mercedes-Benz User Experience), che annuncia l'inizio di una nuova era della connettività firmata Mercedes me. La particolarità di questo sistema è la capacità di apprendere grazie all'intelligenza artificiale. MBUX, personalizzabile e adattabile, mette in collegamento tra loro auto, guidatore e passeggeri. Solitamente, quando si dà un comando vocale in auto bisogna pronunciare una frase predeterminata. Grazie alla comprensione del linguaggio naturale, invece, il «voicetronic» dell'MBUX comprende quasi ogni parola e riconosce quasi tutte le frasi che vengono solitamente pronunciate nell'ambito dell'Infotainment e dei comandi della vettura. Il sistema si adatta all'utente e alla sua voce e comprende meglio anche gli utenti con accento straniero; inoltre i modelli software sul server apprendono man mano nuove parole o imparano a fare un uso diverso della lingua. Il sistema non usa risposte stereotipate, ma risponde in modo vario. Se questa è forse la novità che colpisce di più al primo impatto, la nuova Classe A è ricca di innovazioni. Giunta alla quarta generazione, con questo modello la casa tedesca ha voluto «ridefinire il lusso in chiave moderna nella classe della compatte, puntando su design dinamico e concetto intuitivo dei comandi». Rispetto alla versione precedente è più lunga 12 cm, più larga di 16, più alta di 6 cm e più leggera di 20 kg. Il design della parte anteriore presenta il cofano motore ribassato, fari a LED piatti (disponibili a richiesta) con elemento cromato e fiaccola delle luci di marcia diurne. Grazie al passo più lungo e alla linea caratteristica laterale, l'auto sembra più allungata. Gli interni sono stati completamente ridisegnati e danno una sensazione di spaziosità: spicca la plancia ad alta risoluzione con a scelta, due display da 7 pollici (17,78 cm), un display da 7 pollici e uno da 10,25 pollici (26 cm) e due schermi da 10,25 pollici.

Classe A, l’auto chiacchierona

Il comportamento di guida silenzioso e l'assenza di vibrazioni sono alcuni degli elementi che si notano subito quando si è in movimento: oltre all'isolamento tra gli elmenti meccanici del telaio e la carrozzeria e alle misure aeroacustiche, anche la scocca fornisce un importante contributo in questo senso. Tre sono le nuove motorizzazioni disponibili attualmente: due a benzina, A 200 (163 CV), A 250 (224 CV), e un diesel, A 180 d (di 116 CV). A richiesta si può avere la trazione integrale permanente 4-Matic. L’offerta tecnologica è vasta e comprende, tra l’altro, i pratici sistemi on-street prediction, real-time information e off-street information, che permettono di risparmiare tempo durante la ricerca di posteggi. Il prezzo parte da 33.800 franchi.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori
  • 1
  • 2
  • 3
    IL SALONE DELL’AUTO A GINEVRA

    Supercar da sogno: andiamo a scoprirle

    La Bugatti «Voiture Noire» è stata costruita come esemplare unico per celebrare i 110 anni del marchio: costa 11 milioni di euro

  • 4
    GINEVRA

    Cassis lancia il Salone dell’auto

    Il consigliere federale ha approfittato dell’occasione per sottolineare l’importanza degli accordi bilaterali con l’UE - L’industria automobilistica impiega 220mila persone per un giro d’affari di 12 miliardi - LE FOTO

  • 5
  • 1