Jeep rifà il trucco alla Cherokee

La versione 2019 ha un design più moderno e dispone di una tecnologia di punta per un comfort di alto livello

 Jeep rifà il trucco alla Cherokee

Jeep rifà il trucco alla Cherokee

 Jeep rifà il trucco alla Cherokee

Jeep rifà il trucco alla Cherokee

 Jeep rifà il trucco alla Cherokee

Jeep rifà il trucco alla Cherokee

 Jeep rifà il trucco alla Cherokee

Jeep rifà il trucco alla Cherokee

DONNAFUGATA - Jeep ci porta in quest’angolo meraviglioso della Sicilia, a pochi passi dai centri che celebrano il Barocco siciliano, come Noto, Modica, Sci- cli e Ragusa, per fare la conoscenza con la nuova Cherokee, coniugata in versione 2019 e sul mercato da poche settimane, in Svizzera in tre allestimenti (Longitude, Limited e Overland) e con due sole motorizzazioni, un 2,2 litri a quattro cilindri denominato Multijet, mosso o a diesel o a benzina. Primo prezzo della nuova Cherokee, modello Longitude con motore diesel, 48.900 franchi.

Breve digressione per parlare dell’ambientazione in cui è stato svelato alla stampa specializzata il restyling di un modello che ha marcato la storia del marchio Jeep e che è ormai giunto alla sesta generazione. Siamo, come detto, nel regno del Barocco siciliano, a metà tra la collina e il mare. Nell’entroterra, cittadine che risplendono grazie allo stile delle loro opere architettoniche, edificate con la ricostruzione avvenuta dopo il terribile terremoto che distrusse nel 1693 la Valle di Noto; lungo il litorale, piccoli villaggi marinari che la speculazione e gli abusi edilizi mettono a repentaglio, ma che cercano orgogliosamente di resistere come fa Marzamemi, uno dei luoghi amati dal celebre commissario Montalbano, uscito dalla penna di Andrea Camilleri.

Torniamo alla nostra Jeep, che rappresenta l’evoluzione del SUV più capace della categoria, a proprio agio sia nel contesto urbano sia nelle avventure in fuoristrada, come abbiamo ben potuto provare lungo i percorsi predisposti nei luoghi frequentati dai personaggi di Camilleri. Con un nuovo design più moderno e una lunga serie di tecnologie intuitive, la nuova Cherokee garantisce maggior comfort, connettività, sicurezza e praticità rispetto al modello precedente. Detto che in Svizzera sono disponibili solo due tipi di motorizzazione, bisognerà aspettare l’anno nuovo per avere la versione Trailhawk, il fuoristrada per eccellenza, che completerà la gamma di questo SUV.

Dal 2019 sarà inoltre disponibile il nuovo motore turbo da 2,0 litri, quattro cilindri in linea a iniezione diretta, che sviluppa 270 CV di potenza (per ora solo stimata) e 400 Nm di coppia, in abbinamento al cambio automatico a nove marce che già ora caratterizza la nuova Cherokee.

Si tratta di un cambio ottimizzato, che dispone di un nuovo software di controllo per assicurare risposte precise, accelerazioni rapide e cambiate fluide. Tradotto, tutto ciò consente di affrontare partenze brillanti e di beneficiare dell’erogazione fluida e costante della potenza nei lunghi tratti autostradali. Allo sguardo, il rinnovato design degli esterni si contraddistingue per la nuova fascia frontale, fari a LED con luci diurne di serie e fari fendinebbia impreziositi da finiture lucide. Il caratteristico cofano «spiovente» presenta una nuova struttura in alluminio ultraleggero ed è separato dai parafanghi anteriori per sottolineare il carattere distintivo della Cherokee. Anche la parte posteriore è stata leggermente ritoccata.

L’abitacolo di questa nuova Jeep è pure stato rinnovato per offrire ulteriore comfort e funzionalità grazie a pratici vani portaoggetti e a nuovi contenuti tecnologici. La consolle centrale è stata ridisegnata ingrandendo la tasca portaoggetti anteriore per consentire di creare lo spazio ideale per smartphone e altri dispositivi accanto alla porta USB integrata e accedere con facilità ai servizi di connessione. La capacità di carico posteriore è stata aumentata di 70 litri per arrivare a un totale di 570 litri (fino alla copertura del tetto) che diventano 1.555 con i sedili posteriori ribaltati.

Disponibile sia nella configurazione a trazione anteriore sia in quella a trazione a quattro ruote motrici, la nuova Cherokee offre al momento due innovativi sistemi di trazione integrale ottimizzati per assicurare capacità 4x4 di riferimento in qualsiasi condizione di utilizzo: col sistema Active Drive I la trazione integrale è permanente e non richiede nessun comando del conducente. Active Drive II include tutte le caratteristiche del sistema Active Drive I e aggiunge la modalità 4WD Low che migliora le prestazioni quando si affrontano tratti in salita. Infine, questa nuova auto è equipaggiata con i sistemi UconnectTM di ultima generazione, che offrono un’ampia gamma di funzionalità di navigazione, intrattenimento e comunicazione, e una serie di nuove caratteristiche che migliorano sia l’esperienza di guida sia il comfort a bordo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Motori
  • 1
  • 2
    IL SALONE DELL’AUTO A GINEVRA

    Supercar da sogno: andiamo a scoprirle

    La Bugatti «Voiture Noire» è stata costruita come esemplare unico per celebrare i 110 anni del marchio: costa 11 milioni di euro

  • 3
    GINEVRA

    Cassis lancia il Salone dell’auto

    Il consigliere federale ha approfittato dell’occasione per sottolineare l’importanza degli accordi bilaterali con l’UE - L’industria automobilistica impiega 220mila persone per un giro d’affari di 12 miliardi - LE FOTO

  • 4
  • 5
  • 1