Polo sportivo e degli eventi, ma quanto ci costa veramente? In questi giorni dove la campagna si è infiammata è stato detto di tutto e di più, con ricostruzioni contabili dei contrari a volte fantasiose se non chiaramente false.

Il Polo sportivo è un investimento ponderato che non minaccia la stabilità finanziaria della città. La collaborazione fra pubblico e privato è uno strumento di successo che ha dato risultati positivi in altri stadi in svizzera. Si tratta di una modalità di finanziamento che da decenni ormai permette agli enti pubblici di realizzare opere importanti tutelando la solidità delle casse pubbliche e proponendo progetti interessanti per tutta la popolazione e non destinati a un solo target. Il progetto è di una ditta svizzera leader nel settore, rinomata e specializzata in progetti simili.

Lo stadio e il palazzetto dello sport costeranno 167 milioni di franchi. Il partner privato finanzierà il PSE per un totale di 374 milioni: oltre al palazzetto e all'arena sportiva questo dato tiene conto dei costi delle altre strutture previste nell'area. La Città avrà anche delle entrate: 83 milioni di diritti di superficie (920 mila franchi all’anno) nei 90 anni della concessione. Inoltre, è previsto per l'economia locale un apporto di circa 60 milioni all'anno per diversi anni. Il 75-80% dei lavori edili saranno infatti assegnati ad aziende della regione ed è prevista la creazione di alcune centinaia di posti di lavoro. Il leasing, con rate decrescenti, durerà 27 anni, fino al 2052. Alla fine, le due opere diventeranno proprietà della città.

Gli oneri a carico della Città e dei cittadini potranno essere ridotti grazie ai contributi finanziari della Confederazione e del Cantone. Berna prevede di investire nel PSE fino a 5 milioni di franchi. In totale abbiamo 23 milioni accordati da Cantone, Confederazione e Comune per ridurre l’onere del leasing e scongiurare l’aumento del moltiplicatore

Al contrario, un finanziamento diretto della Città al PSE avrebbe come conseguenza l'aumento dell’indebitamento strutturale e un peggioramento della solvibilità e dell'affidabilità finanziaria di Lugano, riportando la Città a un livello di indebitamento sostenibile unicamente bloccando altri investimenti o vendendo beni patrimoniali. Questa situazione penalizzerebbe molti settori della società.

Voterò Sì al PSE e invito la popolazione luganese a sostenerlo. Un progetto importante e ponderato dal punto di vista economico per la città che finalmente darà la casa che la popolazione e le società sportive aspettano da troppo tempo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Opinioni
  • 1