Si leggono tutti i giorni gli slogan “SI allo sport” “SI allo stadio e palazzetto per i nostri giovani”.

Ok. Parlo da ticinese e da sportivo. Tutti siamo d’accordo che in Ticino le infrastrutture quando necessita vanno migliorate per chi pratica qualsiasi sport. Nelle città e nelle valli del Cantone. In questo caso a Lugano.Poi parlo da contribuente. Pochi spiegano però ai cittadini di Lugano ( che in futuro saranno chiamati alla cassa), il sistema di finanziamento di tutto il comparto, mischiando lo sport con la speculazione edilizia.

Prima di tutto. A Lugano per quanti anni il Municipio ha dormito, sapendo bene che c’era il bisogno delle infrastrutture? Si erano fatti diversi progetti e si era calcolato che per lo stadio a norma e il palazzetto necessitavano circa 70-75 milioni. In primis la Lega si era rivoltata dicendo che “col piffero” si sarebbero spesi quei soldi del contribuente luganese.

Oggi però si è compatti in Municipio a sostenere l’investimento di più di 400 milioni dove la parte del leone la fa, ripeto, non lo sport ma il cemento. Si arriverà a stravolgere la zona di Cornaredo. Saranno costruiti di contorno allo stadio palazzi, palazzine, torri per uffici malgrado l’eccesso di sfitto. Col rischio di impoverire il centro, fulcro dei commerci e degli uffici.

Caro cittadino luganese: medita. Vedrai salire il moltiplicatore, checché ne dica il Municipio, pagherai più tasse per i prossimi vent’anni. Ricordati che oltre al PSE Lugano ha in ballo altre spese come il Polo Congressuale, la sistemazione viaria, il tram e l’acquisizione di immobili.

I promotori del SI hanno detto che non esiste un piano B. Ma signori!! Facciamo un po’ i conti alla serva. Il Cantone ha stanziato 18 milioni. Altri 5 milioni dalla Confederazione. Con l’aiuto dei Comuni viciniori, sport-toto, sponsor e altro si potrebbe arrivare a 30 milioni. Secondo i vari progetti ne resterebbero 40 milioni. Che è molto meglio di 400 milioni, senza stravolgere il territorio, senza svuotare il centro!

Altro che non c’è il piano B!

Quindi: VIVA LO SPORT. NO ALLA SPECULAZIONE

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Opinioni
  • 1