Occupazione

Formazione e lavoro:
i redditi dei giovani

Formazione e lavoro: <br />i redditi dei giovani
Ecco quanto guadagnano le persone che hanno ottenuto le certificazioni professionali di carattere pratico.

Formazione e lavoro:
i redditi dei giovani

Ecco quanto guadagnano le persone che hanno ottenuto le certificazioni professionali di carattere pratico.

Le certificazioni professionali di carattere pratico, come gli attestati federali di capacità (Afc), i certificati federali di formazione pratica (Cfp) e i diplomi di maturità professionale di tipo 1 (Mp1), sono spesso oggetto di dibattito circa la loro utilità nel mercato del lavoro. Uno studio specifico svolto dall’Ufficio federale di statistica della Svizzera (Ust) permette di analizzare nel dettaglio i risultati ottenuti dai giovani che hanno ottenuto tali attestati.

I risultati dell’indagine
La ricerca dell’Ust mostra come, a distanza di cinque anni e mezzo dal termine di un apprendistato professionalizzante della durata di tre o quattro anni, le persone in possesso del relativo titolo raggiungono un reddito medio mensile pari a 5.270 franchi (con un lavoro full-time), anche se il dato varia sensibilmente a seconda del settore di attività, della regione linguistica presa in esame e del titolo conseguito. Ad esempio, dall’indagine si nota come i redditi più elevati sono quelli ottenuti nel campo dell’informatica e delle tecnologie di comunicazione (6.370 franchi), mentre nei settori della «Vendita all’ingrosso e al dettaglio» e dei «Servizi alla persona» gli stipendi sono inferiori ai 5.000 franchi.

Il metodo di analisi
Per realizzare la ricerca è stato utilizzato un metodo innovativo di statistica sperimentale, che permette di abbinare i dati dei registri a quelli delle rilevazioni strutturali dell’Ust. Grazie a questa metodologia è stato possibile suddividere i risultati ottenuti in base alla tipologia di qualifica dei giovani studenti svizzeri. È emerso che i lavoratori in possesso del diploma di maturità professionale di tipo 1 guadagnano il 10 per cento in più rispetto ai titolari di un attestato federale di capacità (il cui stipendio medio ammonta a 5.220 franchi). Secondo l’Ust, tale divario è determinato dalla propensione dei primi a proseguire la formazione nel livello terziario, ma anche al campo di formazione scelto: «Informatica e tecnologie della comunicazione» (con 6.370 franchi) e «Personale infermieristico» (con 6.060) sono gli ambiti più redditizi, mentre nel comparto della vendita e dei servizi alla persona la media reddituale scende a 4.800 franchi.

Gli stipendi nella Svizzera italiana
Esistono notevoli differenze di reddito anche tra le diverse regioni linguistiche del Paese elvetico. Nella Svizzera italiana, per esempio, gli stipendi dei lavoratori titolari di un Afp o di un Mp1 sono inferiori rispetto a quelli dei connazionali che lavorano in altre zone. Circa cinque anni dopo l’ottenimento del titolo, lo stipendio medio nella Svizzera italiana ammonta a 4.850 franchi, contro i 5.270 della Svizzera tedesca e romancia e i 5.200 di quella francese.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Portafoglio
  • 1
    Scambio di asset digitali

    Ecco il primo
    «digital bond»

    La Svizzera si conferma all’avanguardia dell’innovazione anche nel campo della blockchain applicata alla finanza.

  • 2
    Come fare

    Cambiare assicurazione
    in poche mosse

    È necessario rispettare le norme previste dalle leggi svizzere: il cambio di polizza non è un procedimento scontato, ma al quale prestare molta attenzione.

  • 3
    Finanza

    Investimenti online:
    ecco le app dedicate

    Il trading sul web è un mondo sempre più conosciuto e accessibile tramite strumenti come le applicazioni per smartphone: un modo per permettere a chiunque di fare affari in qualsiasi momento.

  • 4
    Investimenti

    Stagflazione
    in vista nel 2022?

    La strategia di investimento mira ad approfittare delle condizioni favorevoli del mercato, ma in forma flessibile perché il rischio è di rimanere penalizzati dalla comparsa della stagflazione.

  • 5
  • 1