Auto

Imposta di circolazione
Ecco come funziona

Imposta di circolazione <br />Ecco come funziona
Si tratta di una tassa obbligatoria che riguarda tutti i veicoli immatricolati. Il calcolo, le scadenze e chi viene esonerato dal pagamento.

Imposta di circolazione
Ecco come funziona

Si tratta di una tassa obbligatoria che riguarda tutti i veicoli immatricolati. Il calcolo, le scadenze e chi viene esonerato dal pagamento.

Per ogni veicolo che viene immatricolato è necessario versare la cosiddetta imposta di circolazione annuale al proprio Cantone di domicilio. Si tratta di una tassa obbligatoria, che riguarda tutti i veicoli di chi è domiciliato in Svizzera. Ma come funziona, più nello specifico, questa imposta? Nel caso di un’automobile, il mezzo più di frequente soggetto a immatricolazione, bisogna per prima cosa individuare il valore delle emissioni di CO2 del veicolo. Ciò è possibile facendo riferimento al proprio fornitore oppure al sito www.etichettaenergia.ch. Una volta individuato il valore, questo è corrispondente a un coefficiente K misurato in base alle emissioni di CO2 emesse per chilometro. Minori sono le emissioni e minore è il coefficiente K, che varia da un minimo di 0,238 per le emissioni da 0 a 30 g di CO2/km a un massimo di 1,644 per emissioni di oltre 400g CO2/km. Attraverso una formula specifica (ovvero {158.-- + (massa totale in kg x potenza in kW) / 560} x K=) viene quindi stabilito l’importo in franchi dell’imposta da versare. Sul web esistono anche calcolatori specifici che, una volta immessi i dati richiesti, calcolano in automatico la somma dovuta.

In ogni caso, le fatture con la richiesta dell’importo per ogni veicolo vengono inviate all’inizio di ogni anno e l’imposta di circolazione va versata entro il primo marzo. Non è possibile chiedere la rateizzazione e, nel caso in cui non si pagasse entro la data predefinita, vengono attivati una serie di richiami che possono terminare con l’invio dell’ordine di sequestro delle targhe. Più nel dettaglio, il primo richiamo è esente da spese; il secondo richiamo è la diffida di pagamento e prevede una tassa di richiamo di 20.00 franchi, mentre alla decisione di sequestro si accompagna una sanzione di 100.00 franchi. Detto questo, va ricordato che ci sono alcune categorie esonerate dal versamento dell’imposta di circolazione. Non devono pagare la tassa i veicoli immatricolati a nome dello Stato del Cantone Ticino, quelli di enti pubblici o di associazioni senza scopo di lucro destinati ai servizi di pubblica utilità (come ad esempio polizia comunale, autoambulanza, pompieri e soccorso stradale) e i mezzi a propulsione elettrica con entrata in circolazione prima del 2009 e i tutti i veicoli elettrici, eccetto le auto, in circolazione dal primo gennaio 2009.

È previsto anche un parziale esonero dal pagamento dell’imposta di circolazione. Riguarda i veicoli adibiti al servizio pubblico; le auto dei tassisti che esercitano personalmente ed esclusivamente tale professione con concessione comunale; le automobili degli agenti della polizia cantonale; i veicoli ibridi e a gas, ad eccezione delle automobili, entrati in circolazione dal 2009; i veicoli appartenenti allo stesso detentore e immatricolati con lo stesso genere e numero di targhe di controllo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Portafoglio
  • 1
    Scambio di asset digitali

    Ecco il primo
    «digital bond»

    La Svizzera si conferma all’avanguardia dell’innovazione anche nel campo della blockchain applicata alla finanza.

  • 2
    Come fare

    Cambiare assicurazione
    in poche mosse

    È necessario rispettare le norme previste dalle leggi svizzere: il cambio di polizza non è un procedimento scontato, ma al quale prestare molta attenzione.

  • 3
    Finanza

    Investimenti online:
    ecco le app dedicate

    Il trading sul web è un mondo sempre più conosciuto e accessibile tramite strumenti come le applicazioni per smartphone: un modo per permettere a chiunque di fare affari in qualsiasi momento.

  • 4
    Investimenti

    Stagflazione
    in vista nel 2022?

    La strategia di investimento mira ad approfittare delle condizioni favorevoli del mercato, ma in forma flessibile perché il rischio è di rimanere penalizzati dalla comparsa della stagflazione.

  • 5
  • 1