Le parole

Tassi negativi e spread
Semplici spiegazioni

Tassi negativi e spread <br />Semplici spiegazioni
Ecco una guida per comprendere meglio alcuni concetti base nell’ambito degli investimenti (©Archivio CdT)

Tassi negativi e spread
Semplici spiegazioni

Ecco una guida per comprendere meglio alcuni concetti base nell’ambito degli investimenti (©Archivio CdT)

Quale è il ruolo di una banca centrale?
Una banca centrale ha il ruolo di definire e attuare la politica monetaria del proprio Paese di riferimento, agendo a favore dell’economia nazionale. Il suo spettro di attività è dunque differente da tutte le altre banche presenti nel Paese. La Banca Nazionale Svizzera – spesso conosciuta con l’acronimo «BNS» – ha come obiettivo la stabilità dei prezzi e nel suo operato tiene conto dell’evoluzione congiunturale, determinando appunto condizioni quadro favorevoli per lo sviluppo dell’economia. Un esempio? Le misure attuate nell’ultimo decennio dalla BNS per mitigare il progressivo rafforzamento del franco rispetto all’euro, prima – nel 2011 – con l’introduzione del cambio fisso, e poi - nel 2015 - con l’abbandono di esso ma con massicci interventi sul mercato monetario. Insomma, una banca centrale è una sorta di «guardiano» pronta a intervenire quando serve.

Perché attualmente ci sono i «tassi negativi»?
Perché la BNS – così come la Banca Centrale Europea – intende stimolare il più possibile la ripresa economica favorendo la circolazione di liquidità: i tassi negativi fanno sì che non risulti conveniente lasciare denaro depositato. Tendenzialmente, almeno sinora, tale situazione non ha comportato l’applicazione sistematica di tassi negativi per i risparmiatori tradizionali.

Si sente spesso parlare di «spread». Cosa è?
Il termine «spread» indica la differenza di rendimento tra due obbligazioni o tra diversi insiemi di esse. Specialmente negli anni scorsi, questo termine è stato ampiamente utilizzato sulla stampa per confrontare le obbligazioni dei singoli Paesi dell’Unione Europea con quelle della Germania. Lo «spread» funge infatti da cartina di tornasole del rischio di mercato insito nell’obbligazione: il suo rendimento sale se aumenta il rischio di insolvenza. È per questo motivo che si parla di «spread»: in sostanza riflette le previsioni economiche legate al Paese di riferimento, se sono negative lo spread sale.

Chi sono gli investitori?
Tutti coloro che convogliano disponibilità finanziaria in uno strumento di investimento con lo scopo di ottenere un rendimento. Si è «investitori» anche con piccoli importi su un conto risparmio. Ad ogni modo, con il termine investitori si intendono di solito coloro che utilizzano gli strumenti delle borse finanziarie.

Quanto denaro devo avere per investire in borsa?
La borsa offre molteplici possibilità di investimento. Alcune di esse sono accessibili anche con piccoli importi, penso in particolare ai fondi di investimento che sono un buon veicolo per investire diversificando.

Posso anche effettuare investimenti in autonomia?
Quello delle borse è un mercato che diventa sempre più globale e complesso; se l’investitore non dispone di una buona cultura finanziaria di base, investire in autonomia potrebbe essere un salto nel buio. Investire presuppone un approccio serio e professionale ed è questo il motivo per cui occorre sempre affidarsi all’esperienza e alla competenza di un esperto in materia.

Ha ancora senso lasciare i soldi in Banca?
Pensiamo alla nostra vita quotidiana. Oggigiorno è difficile pensare di non avere una carta Maestro o di credito per i propri acquisti, di non far capo a un conto risparmio e a un conto su cui far arrivare lo stipendio, oppure ancora di rinunciare all’internet-banking: le nostre abitudini sono cambiate e le banche forniscono un grande supporto. Ciò vale anche dal punto di vista della sicurezza: il denaro sotto al materasso può sparire... mentre in banca non può succedere e in alcune si gode anche di una garanzia statale. C’è poi il valore della consulenza a cui abbiamo già accennato: la Banca sa fornire risposte concrete. Un aspetto che spesso... non ha prezzo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Portafoglio
  • 1