logo

Nessun rifugiato in stazione, ma Como resta in allerta

MIGRANTI TRA ITALIA E SVIZZERA - Siamo tornati nella città lariana per vedere come viene affrontata e gestita l’immigrazione - Don Giusto della Valle: «Il vento in Europa e qui da noi è decisamente cambiato»

 
16
febbraio
2018
05:55
Paolo Gianinazzi

COMO - Mentre in Italia il voto del 4 marzo si avvicina, la questione dell'immigrazione si fa sempre più importante e, con i tragici fatti di Macerata, è ormai divenuto il tema centrale di questa convulsa campagna elettorale. Un tema che, nonostante i numeri parlino chiaro (c'è stata una netta diminuzione degli sbarchi a partire dalla fine della scorsa estate), divide oggi più che mai la vicina Penisola. Il picco della cosiddetta "emergenza migranti" è stato raggiunto nell'estate 2016 quando, nella vicina Como, circa 500 migranti sostavano nei pressi della stazione San Giovanni. Anche allora la situazione divideva la popolazione, tra chi portava aiuti di prima necessità e chi invece chiedeva un cambio di rotta e una maggiore lotta all'immigrazione illegale. Siamo tornati proprio a Como - dove abbiamo incontrato don Giusto della Valle - per vedere come oggi, alla luce dell'aspro dibattito in atto, la città ha affrontato la situazione in quest'ultimo anno e mezzo. 

 

Prossimi Articoli

La diocesi ha davvero bisogno di un quotidiano?

Alcune riflessioni sulla crisi del Giornale del Popolo con Markus Krienke, professore di filosofia moderna e di etica sociale alla Facoltà di Teologia di Lugano

“Ecco cosa è davvero successo al GdP”

L'INTERVISTA - Dopo il decreto di fallimento del quotidiano, il vescovo di Lugano apre il libro col Corriere del Ticino

Edizione del 19 giugno 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top