logo

Quando l'abuso di sport porta alla patologia

L'attività fisica stimola il benessere, ma in alcuni casi avere conseguenze pericolose - A rischio le discipline di resistenza, come la corsa, il ciclismo o il triathlon

CdT
 
07
maggio
2018
06:00
Filippo Rossi

L'attività sportiva stimola il benessere ed è considerata un antidoto naturale a molti problemi di salute. Nonostante ciò, un suo abuso può portare a conseguenze pericolose o sfociare in precise patologie. Come la bigoressia (dall'inglese big e dal greco orexis, desiderio) termine con cui si indica una dipendenza da prolungati sforzi fisici. Un disturbo che nel 2011 l'Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) ha inserito tra le patologie da lei riconosciute e se in passato era riscontrabile principalmente tra i culturisti, ultimamente dilaga anche tra i praticanti delle discipline sportive di resistenza, come la corsa, il ciclismo o il triathlon. Ne abbiamo parlato con il fisiologo dello sport Fabio Märki.

Prossimi Articoli

Operazione VAR: “Un successo su tutta la linea”

L'intervista al direttore del dipartimento arbitrale della FIFA Massimo Busacca, dopo la sua esperienza ai Mondiali in Russia

L’imprevedibile catastrofe che ci ha segnati per sempre

A quarant’anni dalla grande buzza, il racconto di colui che si trovò a coordinare i soccorsi

Un giardino dell’Eden contro l’AIDS

In Thailandia ha aperto il primo centro di accoglienza per i malati di HIV, siamo andati a visitarlo

Edizione del 17 agosto 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top