Al femminile

Donne e sport:
binomio vincente

Donne e sport:<br />binomio vincente
Lo sport è sempre più femminile.

Donne e sport:
binomio vincente

Lo sport è sempre più femminile.

Se c’è un dato inconfutabile è la crescita di donne attive in ambito sportivo, il cui numero è aumentato in maniera significativa in questi ultimi anni. Basta guardarsi attorno: la presenza di donne che corrono o pedalano, che nuotano o frequentano delle palestre e dei centri fitness o praticano altri sport è sempre più numerosa.

È, anche questo, un piccolo cambiamento epocale degli ultimi decenni. Prima era piuttosto raro vedere donne praticare sport, in maniera indipendente. Le eccezioni erano sempre circoscritte a contesti competitivi. La rivoluzione è partita, per tutti, dagli Stati Uniti, negli anni Settanta grazie agli studi svolti dal dottor Kenneth Cooper, colui che per primo comprese l’importanza dell’esercizio aerobico.

Cooper, che oltre ad essere medico è sempre stato un appassionato sportivo, dimostrò in maniera inequivocabile che l’attività aerobica è l’unico esercizio fisico in grado di allenare il cuore, di migliorare l’efficienza del sistema cardiovascolare, di aumentare la resistenza e di prevenire killer micidiali come l’infarto e l’ictus. Ma anche di farci vivere meglio, di regalarci benessere.

Grazie alle sue pubblicazioni, che divennero subito dei bestseller, milioni di persone si convinsero ad alzarsi dal divano, infilando tuta e scarpette per lanciarsi a correre nei parchi. È la rivoluzione del jogging a cui seguì a ruota quella della ginnastica aerobica lanciata a livello mondiale soprattutto da Jane Fonda, la bionda Barbarella del cinema, figlia d’arte (il padre Henry fu anche un grande attore del cinema americano).

Da allora c’è stato un vero e proprio “boom” nella pratica del jogging e negli sport all’aperto, così come nella frequentazione delle palestre e dei centri wellness, non solo da parte gli uomini, ma anche e soprattutto delle donne. Secondo i più recenti dati, negli Stati Uniti il numero di donne che praticano jogging è superiore rispetto a quello dei maschi e anche in Svizzera la tendenza va in questa direzione. La conferma ci viene dall’ultimo rapporto dell’Ufficio dello sport della Confederazione (2014), in cui si evidenzia come la pratica sportiva nel nostro paese sia percentualmente in parità tra i due sessi.

Il perché di questa crescita, che ha tutte le carte in regola per rafforzarsi ulteriormente nei prossimi anni, è presto e facilmente spiegato: oltre alle ragioni salutistiche, praticare uno sport aerobico, meglio se nella natura, consente di rigenerarsi, di stare bene. Di guadagnare in qualità di vita. Viviamo in un’epoca in cui la gente sente il bisogno di riconciliarsi con la natura e lo sport all’aria aperta ne è certamente un veicolo privilegiato.

Per chi già corre e vuole allora vivere una bella esperienza, un’occasione in Ticino è rappresentata ad esempio dalla “Ladies Run” che nel 2020 si svolgerà per la terza volta a Lugano, come sempre nel mese di settembre. Una corsa bellissima e disegnata nelle vie della Città, a cui tutti possono partecipare. Ovviamente a condizione che si sia... donne!

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Sport per tutti
  • 1