L’itinerario

Il Monte Arbostora
in bicicletta

Il Monte Arbostora <br />in bicicletta
Il Parco S.Grato è una delle splendide aree che si incontrano sul percorso

Il Monte Arbostora
in bicicletta

Il Parco S.Grato è una delle splendide aree che si incontrano sul percorso

Ci sono luoghi che abbiamo percorso tante volte in bicicletta e che malgrado questo non ci stancano mai. Perché ogni volta ci rivelano qualcosa di nuovo e inaspettato, qualcosa di bello e sorprendente. Nella natura, nelle sfumature del cielo, nei contorni delle montagne che vediamo in lontananza. La salita che porta al Monte Arbostora, partendo da Vico Morcote Lago, è senz’altro uno di quelli.
Già, il Monte Arbostora, ci siete già stati? Visto dall’alto sembra il dorso di un grande animale, un gigante preistorico con la testa rivolta verso il San Salvatore e la coda che si infila nel lago a Morcote... In realtà è un luogo incantevole, con una vegetazione lussureggiante, villaggi discreti e pieni di storie, panorami mozzafiato... e poi la chicca (imperdibile) del Parco San Grato...
Una salita che per un ciclista discretamente allenato non è certo troppo lunga, in tutto 5,8 km fino al punto di valico a Baslona (685 m), ed è anche relativamente impegnativa se si considera che il dislivello da superare è di 401 metri. Per questo è una “classica” per molti cicloamatori della regione che la percorrono soprattutto nei periodi della preparazione primaverile e sovente per testare il grado di condizione fisica.
In occasione dell’uscita del mio libro sulle salite del Ticino, diverse volte mi è stato chiesto quale, tra le salite descritte, fosse quella per me più bella. Ebbene, la mia risposta, per la regione del Luganese è stata senz’altro quella di Carona, proprio per quella natura intrigante e rigogliosa, quel panorama straordinario, quei villaggi così tipici e caratteristici. Ma anche per quel passato e quei personaggi della sua storia, soprattutto artistica – si pensi che questi luoghi hanno dato i natali a stirpi di artisti davvero importanti come i Solari, i Petrini e i Casella – davvero straordinari.

Loading the player...
GUARDA IL VIDEO CON IL PERCORSO!
Percorso

Qualche giorno fa ho approfittato del bel tempo per ripercorrere questa salita che oramai conosco a menadito e davvero devo dire che ogni volta è una nuova meraviglia: il primo tratto leggero nella parte residenziale fino al vecchio paese di Vico Morcote, poi il breve segmento pianeggiante che anticipa il chilometro e mezzo più impegnativo (con pendenze anche al 10-11%), fino all’ultimo tornante (604 m) da cui la strada spiana leggermente per giungere al punto di valico di Baslona.
Da qui la strada scende verso Carona, sempre con ampie panoramiche sul lago e le montagne, un villaggio molto caratteristico come lo è la frazione di Ciona, che si raggiunge poco dopo e che immette nella discesa che porta, toccando il bel paese di Carabbia, fino a Pazzallo e Paradiso.
Ma restiamo un attimo a Carona, per ricordare che poco prima di giungere all’abitato, sulla sinistra, si trova il celebre parco di San Grato, raggiungibile in pochi minuti attraverso una stradina: un gioiello naturalistico con una collezione straordinaria di azalee e rododendri, che merita una visita e che rende questa uscita in bicicletta ancora più impagabile e straordinaria.

Dati tecnici

Regione: Luganese
Luogo di partenza: Vico Morcote Lago, 284 m
Luogo di arrivo: Baslona (punto di valico), 685 m
Dislivello: 401 m
Lunghezza: 5,8 km
Pendenza media: 6,9%
Pendenza massima: 10-11%

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Sport per tutti
  • 1