Il consiglio

La preparazione
di base negli sport

La preparazione <br />di base negli sport
Un buona preparazione è fondamentale a tutti i livelli, per non incorrere in spiacevoli inconvenienti.

La preparazione
di base negli sport

Un buona preparazione è fondamentale a tutti i livelli, per non incorrere in spiacevoli inconvenienti.

Uno degli errori più frequenti di chi pratica uno sport a livello amatoriale è quello di cimentarsi nella propria disciplina prediletta senza avere una preparazione fisica idonea. Oggi è facile acquistare l’attrezzatura necessaria per lo svolgimento di un qualsiasi sport. Resta tuttavia essenziale il discorso della preparazione di base, soprattutto per chi pratica queste attività saltuariamente e nel tempo libero.

Prendiamo ad esempio lo sci alpino. Per chi decide di andare a sciare è fondamentale arrivarci con un fisico ben preparato. Lo sci è tra gli sport più praticati e amati in Svizzera, ma è anche tra quelli in cui si verificano più infortuni. Secondo i dati dell’Ufficio prevenzione infortuni, nel nostro paese oltre 2,5 milioni di persone praticano lo sci e lo snowboard. Ogni anno si contano tuttavia circa ben 51 mila infortuni tra gli sciatori e 14 mila tra gli snowboarder!

Tra le cause vi è l’imprudenza e un equipaggiamento inadeguato, ma anche una insufficiente preparazione fisica. Infatti nel rapporto si dice testualmente: “Gli sport invernali sollecitano molto il fisico. A molti appassionati mancano tuttavia la forza, la resistenza e la condizione necessarie per eseguire i movimenti imposti da questi sport”.

È dunque importante ricordare che ogni disciplina richiede un allenamento di base che non può essere trascurato. In particolare, i pilastri su cui lavorare sono tre: resistenza, forza e mobilità. Nessuno di essi può essere sottovalutato se si punta alla piena efficienza fisica e di riflesso ad evitare gli infortuni. Vediamoli uno ad uno:

La resistenza si acquisisce svolgendo una qualsiasi attività aerobica. A seconda dei gusti e delle stagioni si può scegliere tra camminata veloce, jogging, bicicletta, nuoto, ecc. Bisognerebbe prevedere delle sessioni della durata di almeno 30-40 minuti. Qualunque sia l’attività è bene svolgerla alla giusta intensità, che non deve essere né troppo blanda, né troppo intensa. Una buona base aerobica si acquisisce sull’arco di almeno due, tre mesi di allenamento costante.

Se l’allenamento sulla resistenza (cardiovascolare) è indispensabile per tenere allenato il “motore” del nostro organismo, quello sulla forza e la tonificazione muscolare è fondamentale per conservare una buona “carrozzeria”. La palestra offre naturalmente numerosi strumenti, dalle macchine ai pesi liberi, ma anche un semplice “Percorso Vita”, con le sue postazioni, può essere una valida opzione per allenare la forza.

La mobilità è il terzo pilastro dell’allenamento, purtroppo quello spesso più trascurato. Mantenere una buona flessibilità è fondamentale proprio in quelle discipline dove l’equilibrio e l’elasticità muscolare sono importanti per una corretta esecuzione del gesto atletico, tenuto conto che queste capacità si perdono molto velocemente se non allenate.

Oggigiorno ci sono tante possibilità per praticare uno sport e divertirsi. Rimane però sempre il mio consiglio di avvicinarsi a ogni disciplina in maniera il più possibile corretta e consapevole.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Articoli suggeriti
Ultime notizie: Sport per tutti
  • 1