Rally

Campionato svizzero: buona anche la terza per Ivan Ballinari

Con Paolo Pianca alle note, il pilota malcantonese e leader della generale ha colto la terza piazza nel Rally dello Chablais

Campionato svizzero: buona anche la terza per Ivan Ballinari
La Skoda Fabia R5 portata in gara in questa stagione da Ivan Ballinari. (Foto Carnal)

Campionato svizzero: buona anche la terza per Ivan Ballinari

La Skoda Fabia R5 portata in gara in questa stagione da Ivan Ballinari. (Foto Carnal)

Campionato svizzero: buona anche la terza per Ivan Ballinari
Paolo Pianca e Ivan Ballinari al Rally Ronde del Ticino del 2017. (Foto Chiara Zocchetti)

Campionato svizzero: buona anche la terza per Ivan Ballinari

Paolo Pianca e Ivan Ballinari al Rally Ronde del Ticino del 2017. (Foto Chiara Zocchetti)

AIGLE - Buona anche la terza, vien da dire. Anche se il pilota malcantonese e detentore del titolo svizzero Ivan Ballinari – dopo aver vinto le prime corse del nuovo campionato – nel Rally dello Chablais che si è chiuso nella prima serata dell'ultimo sabato non ha piazzato il tris. Già, perché il Bally, come è soprannominato Ivan, al volante della sua skoda Fabia R5 si è accontentato della terza piazza alle spalle del rientrante Sébastien Carron e di Jérémie Toedtli, rispettivamente su Volkswagen Polo R5 e Skoda Fabia R5, nonché primo e secondo nella gara andata in scena sulle strade della Romandia, per loro quelle di casa.

E se anche la terza è stata buona è perché Ballinari, al cui fianco è tornato alle note Paolo Pianca, ha consolidato la sua leadership nella classifica generale del nostro campionato nazionale, visto che Carron e Toedtli hanno corso «una tantum» e quindi non puntano alla vittoria finale. E anche perché il pilota neocastellano Grégoire Hotz e il suo fido navigatore momò Pietro Ravasi, come abbiamo riferito la scorsa settimana, al Rally dello Chablais non si sono neppure iscritti, non avendo più a disposizione il budget necessario per completare la stagione, dopo la toccata e i danni riportati dalla loro vettura al precedente Critérium Jurassien.

Ivan Ballinari, una volta concluso lo Chablais, ha spiegato che l'operazione di questo ultimo weekend è andata in porto con successo, poiché l'obiettivo era di portare a casa il maggior numero di punti possibile senza andare incontro a chissà quali rischi. Insomma, una corsa ragionata per lui e Pianca, perché ben si sa che i piloti di casa nelle gare del campionato svizzero lottano con il coltello fra i denti dal primo all'ultimo metro pur di andare a caccia del successo di tappa sotto gli occhi dei loro tifosi.

Il Bally ha anche sottolineato che Paolo Pianca è stato protagonista di un ottimo rientro alle competizioni, motivo per cui eccoci in sede d'intervista proprio con il navigatore. «In questa gara siamo partiti pensando alla classifica generale del campionato e quindi guardando prima di tutto che cosa avrebbero fatto gli avversari più agguerriti», annota Paolo che prosegue così: «Ben presto abbiamo visto che il loro passo era quanto mai sostenuto, specialmente per quel che riguardava Carron e Toedtli. E poiché nella prova speciale di Montreux siamo siamo ci siamo anche girati, ecco che abbiamo preferito fare una gara ragionata, non con il freno a mano tirato ma puntando piuttosto su costanza e regolarità del nostro passo, in modo da raccogliere prima di tutto punti per il campionato».

«Siamo un team, siamo tutti affiatati ed è importante non commettere errori fatali. Un buon pilota per essere tale deve anche essere capace di digerire il fatto che qualche volta è meglio badare al sodo piuttosto che dare fondo alle proprie capacità per cercare di vincere a tutti i costi. Ivan in questo senso nel Rally dello Chablais è stato esemplare, il che è stato fondamentale. Infatti, prima del via ci siamo sentiti addosso una forte pressione ma mettendoci la giusta dose di sale in zucca all'interno dell'abitacolo un po’ in tutte le prove specili l'abbiamo retta molto bene, con indubbi benefici in vista della seconda parte della stagione, quella che deciderà tutto», conclude poi Paolo Pianca.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: AutoMoto
  • 1