Fontana sorride, Marciello sfortunato

Automobilismo

Destini opposti per i ticinesi nella 1.000 km del Paul Ricard: quinto posto per il primo, sfuma il titolo per il secondo

Fontana sorride, Marciello sfortunato
Il ticinese Alex Fontana al volante della Mercedes AMG GT3 del team AKKA ASP.

Fontana sorride, Marciello sfortunato

Il ticinese Alex Fontana al volante della Mercedes AMG GT3 del team AKKA ASP.

Si è conclusa con il miglior risultato dell’anno la stagione 2020 di Alex Fontana nel GT World Challenge Europe. Il pilota ticinese nello scorso fine settimana ha disputato l’ultima tappa nel calendario dell’Endurance Cup, la 1.000 km del Paul Ricard, chiudendo quinto di classe Silver Cup al volante della Mercedes AMG GT3 del team AKKA ASP. Sfortunato invece Raffaele Marciello, coadiuvato dai compagni Boguslavskiy e dalla new entry Buhk (al posto di Fraga, bloccato in Brasile dalla COVID-19). Il malcantonese ha chiuso al 18. posto per un danno alla vettura e pertanto è sfumata la possibilità di conquistare il titolo.

«Sono contento del risultato alla 1000 km del Paul Ricard, una delle gare simbolo del GT World Challenge che quest’anno si è disputata in un periodo e in orari diversi rispetto alle scorse edizioni. Avevamo meno riferimenti a disposizione, ma in queste condizioni siamo riusciti a centrare il miglior piazzamento stagionale in Endurance Cup. Guidando nel primo stint ho recuperato un bel numero di posizioni, ma anche i miei compagni, l’elvetico Lucas Legeret e il cileno Benjamin Hites, sono stati bravi nel tenere un ritmo competitivo. E ora la testa è rivolta al 2021, che è già dietro l’angolo. Spero di poter allestire un altro calendario ricco come sempre di appuntamenti», ha detto Alex Fontana.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1
  • 1