Hamilton mette le ali, la pole in Qatar è sua

formula uno

Il britannico della Mercedes ha preceduto il rivale olandese Max Verstappen e il compqgno di scuderia Valtteri Bottas

Hamilton mette le ali, la pole in Qatar è sua
©KEYSTONE/Hamad Mohammed

Hamilton mette le ali, la pole in Qatar è sua

©KEYSTONE/Hamad Mohammed

Lewis Hamilton, 1’20»827 su Mercedes, ha conquistato la pole position nel GP del Qatar che si disputerà domenica sul circuito di Losail, a Doha.

Il pilota inglese ha preceduto il rivale olandese Max Verstappen, al volante di una Red Bull, e il compagno di scuderia finlandese Valtteri Bottas. Charles Leclerc è stato eliminato nella Q2, così come il messicano Sergio Perez, compagno di scuderia di Verstappen su Red Bull.

La vittoria di domenica scorsa in Brasile ha messo le ali a Lewis Hamilton, anche se non le stesse che sono diventate motivo di polemiche e accuse reciproche tra i team Mercedes e Red Bull. Nelle qualifiche del GP del Qatar, all’esordio della Formula 1 sul circuito di Losail, il britannico della Mercedes ha rifilato quasi mezzo secondo al rivale nella corsa al titolo, Max Verstappen, che domenica dovrà difendere i 14 punti di vantaggio partendo comunque dalla prima fila e già alla prima curva si aspettano scintille. Nelle qualifiche ha deluso Valtteri Bottas, che nelle libere sembrava avere una marcia in più e invece si è dovuto accontentare del terzo posto, e ha dato segnali contrastanti la Ferrari, con Carlos Sainz settimo con le gomme medie e solo 13. Charles Leclerc. Male, con l’esclusione nella Q2 gomme per il monegasco, sono andati anche Daniel Ricciardo con la McLaren e soprattutto Sergio Perez che invece con la sua Red Bull era chiamato a stare il più vicino possibile a Verstappen per aiutarlo nel rintuzzare l’assalto delle Mercedes.

«Ieri è stata una giornata difficile e sono stato qui fino a mezzanotte con gli ingegneri, trovando i punti in cui potevamo migliorare. A quanto pare hanno funzionato e li abbiamo portati in qualifica. L’ultimo giro è stato bellissimo». Così il pilota della Mercedes Lewis Hamilton dopo aver conquistato la pole position nel GP del Qatar, terz’ultima prova del Mondiale. «Questa pista è fantastica, davvero veloce, dà belle sensazioni - ha continuato il britannico, che partirà con a fianco il suo rivale per il titolo, Max Verstappen, al quale però ha rifilato un distacco di quasi mezzo secondo -.Èccosì veloce che non sarà semplice seguire per chi starà dietro. Ma c’è anche poco degrado delle gomme, abbiamo visto che tutti e tre davanti partiamo con le medie». Meno soddisfatto della sua prova il compagno di squadra, Valtteri Bottas: «Ieri mi sentivo forte, non so cosa sia successo stanotte. In qualifica ho faticato tanto, soprattutto in curva 1, a differenza di ieri, quando gestivo tutto meglio - ha spiegato il finlandese -. Abbiamo due macchine contro Max, spero che l’aderenza sul nostro lato sia migliore. Sicuramente potremo fare qualcosa».

«È stato un weekend complicato per noi. In qualifica si vedeva chiaramente, come nelle terze libere, che stiamo faticando più del normale. Credo ci manchi un po’ di ritmo in questo momento. Sono comunque secondo e per domani è tutto in gioco. Speriamo di poter lottare per qualcosa di più». Lo ha detto il pilota della Red Bull, Max Verstappen, dopo le qualifiche. «Dobbiamo lavorare sulla partenza e poi vedere come andrà a finire. Esamineremo le qualifiche e poi ci concentreremo sulla gara in generale» ha detto ancora l’olandese, che non ha fatto previsioni per la gara su una pista ‘nuova’: «Non abbiamo mai corso qui. Ci sono tante incognite. Prima curva decisiva? Difficile dirlo. Non voglio pensarci troppo».

«Per me è stata bella qualifica, ho fatto dei buoni giri anche se nella Q3 non sono stato perfetto. Ho provato a mettere al limite la macchina nel secondo tentativo ma sono andato oltre e non sono riuscito ad abbassare il tempo». Così il pilota della Ferrari Carlos Sainz, che partirà al settimo posto, molto più avanti rispetto al compagno di scuderia, Charles Leclerc «Non è stato facile questo weekend, almeno finora: Alpine, AlphaTauri e McLaren sono tutte lì, mentre altre volte avevamo del margine», ha aggiunto lo spagnolo. «»Non avevo un gran feeling con la media, il passaggio in Q3 è stato di sicuro coraggioso ma anche rischioso e domenica partiremo in questa configurazione - ha commentato ancora il ferrarista -. Non sarà un vantaggio alla partenza, ma ci darà una mano già dopo qualche giro. Sarà bello fare qualcosa di diverso dagli altri». Molto deluso Leclerc, che sottolinea il secondo di distacco subito: «Non è che stavo facendo grandissimi errori o cose fuori dal normale. Ora dobbiamo guardare bene perché questa volta non ho una spiegazione - ha affermato -. Normalmente quando scendo dalla macchina dopo la qualifica ho sempre una spiegazione, però questa volta non c’è e dunque è veramente una bruttissima sorpresa».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1

    Formula 1 o Formula caos?

    Il caso

    Il rude duello fra Max Verstappen e Lewis Hamilton ha riportato a galla tutti i limiti della FIA: il GP di Jeddah è stato un triste luna park - Ad Abu Dhabi l’olandese e il britannico si giocheranno il mondiale - La finalissima ricorda il confronto fra Clay Regazzoni ed Emerson Fittipaldi

  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1