Ivan Ballinari e quel motore che non può rombare

Rally

La stagione del pilota malcantonese, due volte campione svizzero, è in sospeso a causa del coronavirus

Ivan Ballinari e quel motore che non può rombare
Ivan Ballinari, a destra, con uno dei suoi navigatori Paolo Pianca. © CdT/Chiara Zocchetti

Ivan Ballinari e quel motore che non può rombare

Ivan Ballinari, a destra, con uno dei suoi navigatori Paolo Pianca. © CdT/Chiara Zocchetti

Costretto ai box dal coronavirus, sospeso in una sorta di limbo che in pratica gli impedisce anche di pianificare la prossima stagione, il pilota malcantonese Ivan Ballinari, campione svizzero di rally nel 2018 e nel 2019 (e primo ticinese a portare a casa il titolo) fa buon viso a cattivo gioco. Annullato il campionato nazionale del 2020, «Bally» guarda speranzoso al calendario del prossimo anno: Jura, Chablais, Ticino e Vallese, più una corsa all’estero da definire, sono i luoghi deputati ad accogliere le corse, ma il punto interrogativo rimane.

«Non ho vissuto male lo stop di quest’anno, anche perché il rally rimane la mia passione, non il mio mestiere. Viviamo un momento delicato, penso che lo sport debba passare in secondo o terzo piano, sarebbe da egoisti pensare solo a soddisfare i propri...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1
  • 1