L’effervescenza in MotoGP ha il volto di Brad Binder

Motomondiale

Prima vittoria nella classe regina per il sudafricano - Sul podio anche Morbidelli e Zarco - Senza Marquez il campionato risulta imprevedibile come non mai e in salita per i team ufficiali - In Moto2 delude Tom Lüthi: «La posizione in griglia di partenza è stata la peggiore di sempre»

L’effervescenza in MotoGP ha il volto di Brad Binder
Binder ha colto il primo successo nella classe regina. ©EPA/Divisek

L’effervescenza in MotoGP ha il volto di Brad Binder

Binder ha colto il primo successo nella classe regina. ©EPA/Divisek

Sorpresa. Gli occhi di quasi tutti erano puntati su Johan Zarco (Ducati) e Fabio Quartararo (Yamaha). I palati più fini, una decisa minoranza, avevano pronosticato Brad Binder (KTM) e, in alternativa, Franco Morbidelli (Yamaha). Risultato: vittoria di Brad Binder (la sua prima in MotoGP, dopo solo tre gare nella categoria) e secondo posto per l’italiano (suo primo podio nella classe regina). Binder, nato l’11 agosto, si è fatto un bel regalo: «Non ho parole per la vittoria. Non ce ne sono. Un sogno coltivato da bambino. Spero sia il primo di molti successi in MotoGP. Vorrei qui mio padre e mia madre».

E ora l’Austria

Assente Marc Marquez, il campionato si lascia apprezzare per una effervescenza che probabilmente altrimenti non avrebbe offerto. Due vittorie (e due pole position) per Quartararo,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: AutoMoto
  • 1
  • 1